sabato 21 Gennaio 2023

Uscire dal caos della Sanità in Calabria – le domande e le proposte di Civicrazia

sabato 21 Maggio 2022 09:32
Notizie

In Calabria il debito da quasi venti anni fluttua e non si riesce ad avere un dato certo.

Prima domanda: quant’è il debito attuale?

 

E poi sorge una seconda domanda:

ma di quei soldi stanziati per la costruzione di 4 ospedali in Calabria, quanti ne sono rimasti?

 

Occorre subito al Piano Civicratico di riordino:

 

  1. RIAPRIRE GLI OSPEDALI CHIUSI E RIORGANIZZARLI
  • Pronto soccorsi attrezzati con Radiologia, Tac e RM;
  • Collegati reparti di chirurgia d’urgenza e traumatologia;
  • Neonatologia e pediatria.

 

  1. GRANDI OSPEDALI ESISTENTI
  • Perfezionare le strutture e farle diventare sezioni di eccellenza in particolari patologie;
  • Uno diventa specializzato in neuro-chirurgia;
  • Uno diventa Polo oncologico;
  • Uno diventa specializzato in cardiologia;
  • Uno diventa Polo per l’infanzia e per le malattie rare infantili;

 

  1. ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO INTERVENTO
  • Potenziare la struttura del 118 (con nuovi medici, infermieri, nuove ambulanze attrezzate e una centrale unica di coordinamento);
  • Realizzazione sul territorio regionale di 5 punti strategici dove posizionare gli eliporti per le eliambulanze.
  • Questo sistema organizzativo permette: 1) di non far fare centinaia di chilometri alle ambulanze; 2) avere la garanzia che in pochi minuti il paziente si possa trovare nella struttura adeguata.

 

  1. RECUPERO DELLA MIGRAZIONE SANITARIA
  • Facendo contratti con specialisti nei vari settori per farli venire ad operare in Calabria in modo da evitare che bisogna emigrare per farsi curare con un grande risparmio per le famiglie dei malati e per le casse della sanità. Si può notare che molti specialisti in vari settori che operano al centro-nord sono di origini meridionali.
  • Utilizzando le strutture convenzionate che si devono adeguare ai protocolli del pubblico e non al contrario
  1. COSTITUZIONE DI UNA CENTRALE UNICA

Gli acquisti di attrezzature e materiali di consumo sono regionalizzati con un prezzario unico per tutte le strutture sanitarie.

 

Con l’economia che si realizzare riducendo, se non eliminando, le emigrazioni sanitarie, si possono finanziare e perfezionare le strutture esistenti.

 

 

 

  1. PROSSIMO OSPEDALE DI SIBARI

Subito i concorsi.

 

  1. OSPEDALE DI PALMI

Subito i lavori.

 

 

Ruggiero Riefolo

Guida Antenna Civicratica Calabria, Sicilia e Sardegna

Responsabile Nazionale Referendum deliberativi

 

Translate »