Lug 24, 2019 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

UN VOLO DI LUCE UMANA SULLE OMBRE DI UN FOLLE!

Sono in treno. Direzione Roma. Un addetto al servizio di accoglienza mi chiede se gradisco un quotidiano. Scelgo il Corriere della Sera. Chiudo il libro che stavo leggendo per sfogliare il giornale. Tutto più o meno liscio fin quando arrivo a pagina 15. Lì mi fermo e si ferma la mente. Senza voler richiamare Lombroso e le sue teorie, il volto dell”uomo incriminato non mi trasmette nulla di buono. Anzi trovo la sua espressione  decisamente malefica. Il soggetto è l’ex giudice Francesco Bellomo, gestore della scuola di formazione per il concorso in magistratura “Diritto e Scienza”, organizzata a Roma, Milano e Bari. L’accusa per Bellomo è di maltrattamenti a danno di alcune iscritte ai corsi della scuola.  L’aggravante è la “sudditanza psicologica” in cui teneva alcune borsiste, quelle di maggior suo gradimento, con veri e propri contratti di schiavitù sessuale, in base ai quali le ragazze dovevano sottostare ad un vero e proprio codice di svilimento della propria persona e che prevedeva sanzioni e ricatti in caso di “ribellione”. Come l’episodio della pubblicazione di dettagli intimi di una borsista sulla rivista della scuola, diventati poi oggetto di un concorso tra i corsisti lettori, nel senso che “chi avesse fornito la migliore spiegazione dei comportamenti della ragazza” avrebbe vinto l’iscrizione gratuita al corso dell’anno successivo. Ancora: le uscite serali delle ragazze dovevano essere autorizzate; alle ragazze non era consentito “avviare o mantenere relazioni intime con soggetti che non raggiungessero un determinato punteggio”, attribuito naturalmente dal Bellomo stesso, il quale pretendeva di essere trattato con assoluta priorità e dedizione, anche in quanto a prestazioni sessuali.Una vicenda che colpisce ulteriormente la magistratura, che non ha certo brillato negli ultimi tempi causa eventi non edificanti che l’hanno vista protagonista. L’istinto marcio che si fa beffe del diritto. Che formazione si impartisce in questa scuola dall’altisonante titolo “Diritto e scienza”. Quale diritto e quale scienza?

A riscattare la mia mattinata è la notizia richiamata in prima pagina e che ha fatto il giro del mondo, quella di una carrozzella che sembra volare e che, attraverso tante mani alzate e tese porta un ragazzo disabile, Alex, che cantava a squarciagola le canzoni della band Arch Enemy, che si stava esibendo in quel momento,  a raggiungere il palco dei suoi beniamini rock al Resurrection Fest, organizzato a Viveiro, in Galizia. Il volo di un ragazzo che non rinuncia al suo sogno nonostante la disabilità, sostenuto dai compagni di viaggio che hanno regalato a quel ragazzo, ma anche a se stessi, un grande e felice momento di umanità.
E’  con questa immagine civicratica che scendo dal treno.

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *