martedì 7 Febbraio 2023

Tre buoni motivi per ritornare al passato

giovedì 15 Dicembre 2016 09:56
Notizie

Tre buoni motivi per ritornare al passato.

 Era il 461 a.C. quando Pericle si rivolse agli Ateniesi con un discorso che è passato alla storia. Da allora sono trascorsi quasi 2500 anni e in quel discorso rivolto alla comunità che aveva creato la democrazia ritroviamo tanti concetti che in quella che oggi chiamiamo democrazia sono stati completamente stravolti.

Dice Pericle “Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.” Oggi qui da noi il governo favorisce i pochi invece dei molti e continuiamo a chiamarlo democrazia. E continua dicendo “Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.” Oggi e sempre più le leggi proteggono chi ha trovato il modo di allearsi al potere e l’eccellenza se non viene ostacolata viene vista con sospetto.

E aggiunge “Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.“ Anche oggi forse la povertà non costituisce un impedimento, ma per essere chiamati a servire lo Stato è bene distinguersi per la capacità di servire ed allearsi con i potenti tenendo in nessun conto ciò che può dare dignità ad ogni cittadino perché ignorando il primo articolo della Costituzione la sovranità non è più del popolo e a ben guardare nemmeno del Governo.

Se sovrano è chi sta sopra e che come tale può decidere le sorti dello stato, è sempre più chiaro che il vero sovrano è il potere finanziario che da lontano decide quali debbano essere le sorti del popolo e di ogni singolo cittadino.

Civicrazia significa dignità e sovranità di ogni cittadino nel rispetto della dignità e della sovranità di ogni altro cittadino.

Translate »