martedì 31 Gennaio 2023

La metropolitana va verso lo stop. Senza soldi i napoletani restano a piedi

martedì 8 Febbraio 2011 15:41
Notizie

metro-napoliLe prime a chiudere sono state le due uscite di Montedonzelli e Rione Alto della metro nella zona collinare. Il problema sono state le scale mobili: sono rotte e nessuno può intervenire per ripararle perché non ci sono soldi. A giorni, inoltre, i viaggiatori dovrebbero trovare un’altra amara sorpresa, ovvero lo stop di altre stazioni perché i treni “hanno bisogno di interventi urgenti  e con la sicurezza non si scherza” fanno sapere da Metronapoli.
Il nodo centrale è il blocco del mutuo chiesto dal Comune alle banche necessario per garantire la manutenzione del metro. Gli istituti avevano promesso le risorse per il 2010, ma ad oggi i soldi non sono ancora arrivati e così il trasporto pubblico rischia il collasso. 
Antonietta Sannino, amministratore delegato di Metronapoli, non si sbilancia ma lascia intendere che la crisi è grave. “Stiamo cercando di limitare i danni per gli utenti. Per ora siamo in attesa dei fondi del mutuo che il Comune deve attivare. Spero che  entro marzo tutto sarà risolto”. La scadenza in effetti è davvero vicina. I fondi servono non solo per la manutenzione ma anche per treni, computer, binari  e perfino per poter proseguire i lavori delle nuove linee della metro. Il primo effetto si è già verificato: per la Linea 1, quella che da Piscinola porta a Piazza Dante, sono stati congelati 15 milioni per realizzazioni connesse al prolungamento. I binari sono già arrivati a Piazza Bovio, ma l’inaugurazione della fermata potrebbe subire un ulteriore ritardo rispetto al cronoprogramma. In 34 anni da quando sono cominciati i lavori in piazza Medaglie d’Oro, gli operai hanno realizzato solo 13,5 chilometri di metropolitana.
All’inizio del 2012 i viaggiatori napoletani dovrebbero riuscire ad arrivare a piazza Garibaldi. Sempre che si trovino i soldi.

 

Translate »