giovedì 9 Febbraio 2023

L’efficienza energetica si scontra…con la nostra inefficienza

mercoledì 9 Marzo 2011 11:07
Notizie

eco_compatibilitRisparmio energetico, sostenibilità ambientale, eco-compatibilità: sono termini che ormai fanno parte del gergo comune – almeno dal punto di vista del “sentito dire”. Certo non si può dire lo stesso da una diversa prospettiva, sicuramente piu’ importante: ovvero quella dei comportamenti, delle buone pratiche quotidiane.
Un nuovo report infatti –  prodotto da Carbon Connect e sponsorizzato da Consensus Business Group e Siemens – mostra quanta energia e, di conseguenza, quanto denaro, le aziende stanno sprecando ogni anno per la mancanza di efficienza energetica (6 miliardi di sterline l’anno nel solo Regno Unito). Le cause di questa mancanza? Molteplici!
Secondo il rapporto infatti, le ragioni che spingono le aziende “a muoversi” in questa direzione negativa sono innanzitutto i costi. Investire in efficienza energetica paga per le grandi multinazionali con budget elevati; senza incentivi invece, migliorare in tal senso è spesso un investimento con costi non sostenibili dalla piccola attività a conduzione familiare o dalla singola abitazione.
Il secondo motivo risiede nella scarsa convinzione da parte delle persone. Spesso infatti, si è portati a pensare che “tanto lo farà qualcun’altro”, pensando quindi che il proprio comportamento e le proprie scelte non influiscano direttamente sul “sistema” totale.
Un’economia, una classe politica e una popolazione che di fatto quindi, ancora non hanno compreso a fondo le potenzialità della green economy, un’economia che – sostiene uno studio delle Nazioni Unite – è in grado di crescere e produrre ricchezza. Sistemi governativi e regolamenti inadeguati sotto questo punto di vista infatti, certamente non aiutano lo sviluppo di questo tipo di investimenti, causando un ritardo nell’attuazione di determinate politiche di intervento.
Cosa serve? Una sinergia tra governo, mondo del business e azione individuale. Solo attraverso le concertazione tra questi 3 attori e una forte responsabilità sociale la green economy e altri tipi di cambiamento saranno possibili. Spetta ad ogni singolo cittadino “scendere in campo” e lavorare attivamente per migliorare ambiente e società.  Proprio quello che chiede anche Civicrazia, forte delle sue associazioni e del suo impegno sul territorio a favore del cittadino.

Translate »