Dic 5, 2023 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

RICONOSCIUTOIL BURNOUT A UN MILITARE: TRAGUARDO IMPORTANTE PER LA TUTELA

Un traguardo importante per le Forze dell’Ordine

Lo scorso 3 Dicembre, in Liguria, il Tar ha accolto il ricorso presentato da un Ufficiale  al quale, nel 2019, un medico dell’ASL 1 aveva diagnosticato la sindrome dell’esaurimento professionale (cd. burnout) dopo trent’anni di servizio impeccabile. Il soggetto aveva il ruolo di coordinatore all’interno della squadra di Polizia Giudiziaria, quindi lavorava sul campo a stretto contatto con criminali, in particolare con trafficanti di droga, assassini e membri della criminalità organizzata.

Tuttavia, due anni dopo, il Comitato di Verifica per le Cause di Servizio del Ministero dell’interno aveva ingiustamente  negato la richiesta di riconoscimento della causa di servizio, costringendo l’Ufficiale a fare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale. Alla fine di un complesso iter legale durato circa tre anni, il ricorso è stato finalmente accolto dal Tribunale Amministrativo Regionale.

Il riconoscimento del Burnout

E’ la prima volta, in Italia, che viene riconosciuto il nesso causale tra l’infermità costituita dal burnout e le attività svolte durante il servizio.

I giudici del Tar, basandosi sulle considerazioni del medico dell’ASL 1, hanno emesso la sentenza di riconoscimento di un disturbo psicosomatico riconducibile alla vissuta esperienza dell’Ufficiale.

In particolare le forti pressioni gerarchiche a cui era sottoposto, i continui scontri con i suoi superiori e i lunghi turni di servizio in strada hanno contribuito a determinare l’insorgenza di un forte stress e conseguentemente si è sviluppato il suddetto disturbo, impattando negativamente sulla motivazione lavorativa e sulla qualità dei rapporti professionali.

Questo riconoscimento è un traguardo importante per tutte le Forze dell’Ordine poiché svela i fattori di rischio. Ora occorre intervenire preventivamente per rimuoverli in modo da garantire il benessere individuale e promuovere un ambiente di lavoro sano ed efficace.

Elena Miele Servidio

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *