tutela_legale assicurati

Mar 19, 2023 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

PER UNA GIUSTA VALUTAZIONE DEL DANNO

 
Quante ingiustizie vi sono nella valutazione del danno da parte delle Compagnie assicurative! In particolare viene lamentato da parte dei Cittadini lesi che, in occasione della visita da parte del medico della compagnia, il loro medico di parte non riesce a svolgere un ruolo rilevante ancorché sia prevista la possibilità per il leso di farsi assistere da un proprio medico.
Inoltre anche nella eventualità che il valore del danno sia condiviso da entrambi i sanitari (fiduciario dell’assicurazione e medico di parte) capita non di rado che il liquidatore offra un risarcimento che non tiene conto della valutazione del danno formulato dal proprio fiduciario.
La prassi a questo punto è l’accesso agli atti da parte del danneggiato per avere copia della relazione medica e quindi adire all’A.G..
 
In tale quadro Civicrazia sostiene:
 
  1. occorre la verbalizzazione della visita medica di cui una copia consegnata al medico dell’assicurato;
  2. dare poteri sulla controversia ad apposito Ombudsman o al Difensore Civico, previsione che avrebbe un significativo effetto deflattivo sul contenzioso giudiziario.
 
Inoltre occorre:
 
  • che siano elaborate le tabelle Medico Legali del danno biologico 10-100% (cd. Macro permanenti) di cui all’art.139 del Codice delle assicurazioni;
  •  che per altre tipologie di danno, fra cui quello da Malpractice, vi siano ulteriori tabelle di riferimento.
 
Uno Stato giusto non permette che chi ha subito un danno non sia giustamente risarcito!
 
Elena Parisi

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *