lunedì 6 Febbraio 2023

Oggi come ieri è accaduto di nuovo!

giovedì 21 Aprile 2022 11:27
Notizie

Ogni anno, il 27 gennaio, nelle scuole e nella società civile ricorre la memoria dello sterminio degli ebrei.

Con fiumi di parole si parla di Shoah e si spiegano le caratteristiche del fenomeno: un massacro, per modalità senza precedenti e concepito da un’ideologia che, considerando gli ebrei come nemici solo perché tali, voleva annientarli fino all’ultimo, ovunque.

Anche sul termine genocidio – da un ibrido di due parole greche e latine (‘genos’ e ‘cidio’), per indicare la volontà di distruzione di una collettività etnica, religiosa o sociale – si sono dette tante parole e tanti buoni propositi sono poi caduti nel vuoto.

La famosa promessa morale del “mai più”   – ossia che quanto era accaduto agli ebrei non si doveva più ripetere per gli ebrei e per qualsiasi popolo della terra – purtroppo oggi, stanti gli ultimi atroci accaduti, non ha valore alcuno.

Dinanzi alla immagini – che ci fanno vedere la stampa e i social media – di città distrutte, di fosse comuni in cui sono riversati i corpi di civili ammazzati, di bambini ammazzati per strada, di ospedali colpiti da bombe o missili, abbiamo un senso immediato di vergogna e riprovazione perché il comandamento “non uccidere” purtroppo, ancora una volta, è una frase vuota.

Stiamo assistendo, inermi, spesso dalle comode poltrone di casa nostra, alla distruzione di un popolo.

Tale distruzione annienta non solo chi viene colpito, ma impoverisce la ricchezza della pluralità umana su questa terra.

La prevenzione dei genocidi doveva essere una responsabilità primaria dell’intera Comunità internazionale con priorità assoluta  ma non sembra averne percepito il peso.

Oggi come ieri è accaduto di nuovo e noi siamo osservatori passivi.

Intanto la guerra è entrata nelle nostre case e le classi dirigenti dell’Umanità non sono state capaci di rispettare la promessa morale del “mai più”.

Un vecchio modello deve crollare prima che crolli il mondo!

 

8e46b11d 5148 4e46 be09 016fb8a6f41c.jpg.pagespeed.ce.7HQeL2Kcv1

 

Annunziata Coppola

 

 

 

Translate »