Giu 30, 2019 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

LOTTA ALLA VIOLENZA DELLE BABY GANG!

La vicenda è, purtroppo, uno dei tanti brutali episodi di violenza che martorizzano la città di Napoli, che sembra non trovare pace neanche nei suoi piccoli figli. Le baby gang continuano ad imperversare impunite. Ma chi c’è dietro il fenomeno? Quali soggetti educatori? Quali contesti educativi, culturali e sociali? Quale scuola? Quali alternative e strumenti culturali? Chi sono i genitori, le famiglie di questi delinquenti? Ancora un’aggressione. In pieno centro, nella centralissima piazza Dante, che diventa scenario dell’ennesima brutalità da branco, che si scatena improvvisa e feroce ai danni di un giovane. Minacce, schiaffi, pugni, calci da parte di sei, sette, forse otto ragazzi, innumerevoli teppistelli arroganti, che non conoscono il valore della persona, e nemmeno di se stessi,  ed Eugenio resta a terra quasi in fin di vita. A salvarlo i gestori di una vicina pizzeria, che sentono ed intervengono, impedendo l’irreparabile. Gente, finalmente, che non sta a guardare o gira la faccia dall’altra parte, ma che reagisce e si oppone alla vile violenza. Da allora Eugenio ha paura di uscire di casa. Dunque, una violenza che circoscrive intorno alla persona aggredita una prigione, la sfiducia nelle proprie capacità e nell’umano, che ferisce l’anima, che schiaccia un percorso di vita libera e spensierata. 

Tuttavia, ci sono risorse positive che non gemono, non languono e così la risposta civicratica non tarda a venire. Sono proprio i genitori di Eugenio, Massimo ed Oksana, che vogliono trarre dal male causato al proprio figlio un bene che possa irradiare il contesto abbrutito, il territorio violento, in maniera concreta, fattiva, responsabile, solidale. Il 21 giugno, alle ore 17.00, presso la Sala Pignatiello di Palazzo San Giacomo sarà presentata l’associazione “Fatti contro Misfatti, insieme mai soli!” alla presenza dell’assessore ai giovani e al patrimonio con delega alla Polizia municipale e sicurezza urbana, Alessandra Clemente, il comandante della municipale Ciro Esposito, il giovane Eugenio e la sua famiglia. Sarà anche presente la squadra di professionisti che presterà la propria opera gratuitamente a favore di tutti quelli che cadono vittime di episodi di violenza: l’avvocato Maria Giuseppina Chef, lo Studio Legale Castiello, la giornalista e divulgatrice scientifica Olga Fernandes, l’Istituto Varelli, Massimo Buda e Dino Gombos, lo psicoterapeuta Vincenzo Andreoli, la ginecologa Maria Gabriella Santoro, l’ingegnere Giovanni De Luca. Con la speranza di non sentire più grida e non vedere più occhi velati dalla paura.

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *