Lo Stato siamo noi

 

Eh sì lo stato non è il parlamento e tantomeno il governo, lo stato siamo noi cittadini che eleggiamo un parlamento il quale nomina un governo che su nostro incarico dovrebbero promulgare quelle leggi che facciano funzionare al meglio il paese.

Far funzionare al meglio il paese significa fare in modo che diritti dei cittadini siano rispettati e che i cittadini rispettino i loro doveri in modo tale che il pieno sviluppo della persona umana sia garantito e che siano rimossi gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono tale sviluppo.

Ma come mai in uno stato democratico come si dice il nostro questo non avviene?

Per un semplice motivo: perché i cittadini vedono nello stato un nemico predatore, perché i cittadini invece di occuparsi seriamente della politica (la vita della polis che li ospita) preferiscono eleggere chi è più bravo a fare le promesse, chi è più simpatico, chi urla di più.

Il cittadino medio italiano ama la pace e la tranquillità ma soprattutto ama farsi i fatti propri perché ancora non ha capito che il metodo migliore per farsi i fatti propri è quello di farsi, in modo serio, i fatti di tutti.

Una legge della meccanica dice che la capacità di resistenza di una catena è direttamente proporzionale alla capacità di resistenza dell’anello più debole.

Così quando ognuno cerca di farsi i fatti propri non si rende conto che sta creando una serie di anelli deboli che è il metodo migliore per creare in sistema debole.

Unione Civicratica opera per la dignità e la sovranità di tutti i cittadini ma per funzionare è necessario che tutti i cittadini proclamino la loro Dignità e Sovranità.