C622BE23 D544 4544 B80F 7F9C446E75EF

Nov 20, 2022 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

LE BATTAGLIE DI CIVICRAZIA

L’Italia è un Paese bellissimo, pieno di risorse, cultura, bellezza.
Bellezza a cui sembra ci siamo assuefatti, che non stiamo più esaltando e che spesso distruggiamo.

Fortunatamente sono sorte associazioni e ci sono sempre più iniziative tese a salvaguardare la ricchezza del nostro territorio ed il benessere dei loro abitanti e dei nostri amici animali.

Proprio perché il Paese più bello del mondo possa rimanere tale.

Il progetto in realtà è ambizioso perché gli input sono rivolti a un benessere globale per tutti.

In questo panorama si palesano ingiustizie, che vanno risolte per poter vivere degnamente.

Piccoli e grandi problemi si intrecciano: mancanza di partecipazione, trasparenza, meritocrazia,  sporcizia nelle strade, malati ambientali, maltrattamento animali, diritto degli assicurati, degli utenti bancari,   condizioni familiari di persone affette da gravi malattie …

Tutti sintomi di un degrado lento della Comunità che non sostiene il cittadino, né si autosostiene per mantenere una qualità di vita decorosa.
Degrado che sottolinea come sia necessario intervenire ORA per trovare una soluzione definitiva e che continuare a tamponare i problemi o, peggio, a ignorarli è una strada che deve essere definitivamente abbandonata.

Diciamo alcune cose sulle battaglie in corso che stanno impegnando Civicratici di tutta Italia:

Problema immondizia:
Tanto è stato fatto e si sta facendo a livello locale per sensibilizzare le pubbliche amministrazioni e i Cittadini alla conservazione del territorio, evitando di gettare immondizie indiscriminatamente, così come si è spronato e richiesto un sistema di raccolta immondizie urbano più efficace ed efficiente.

Qui cittadino e Stato devono lavorare insieme per risolvere il problema immondizia.

I malati ambientali:
Sono una conseguenza del degrado del territorio, che non è più salubre.

Ancora una volta una migliore regolamentazione dei rifiuti tossici, diventa essenziale per proteggere il cittadino, che poco o nulla può fare in questo caso per risolvere il problema a monte.

Nel frattempo stiamo portando avanti la soluzione normativa con la Petizione all’esame del Parlamento.

Il maltrattamento degli animali:

Questo è un problema che si risolve sia con prevenzione ed educazione della cittadinanza sin da giovane età, sia con una protezione legislativa.
Molto il Cittadino stesso può fare dando il buon esempio e segnalando i casi che vanno sanzionati e bloccati.

Il tema della solidarietà non è mai stato così importante: aiutarsi gli uni con gli altri!
Questo è quello che stanno facendo tante associazioni, sfiduciate dallo Stato.
Lo Stato e le Istituzioni possono prendere esempio da molte situazioni in cui l’appoggio ai danneggiati e alle famiglie degli stessi, sono fornite da volontari, supplendo al mancante supporto statale, che è doveroso quanto necessario.

L’aspetto positivo, è che i cittadini, finalmente, si stanno muovendo, si aiutano, reclamano i loro diritti, cercano alternative, si fanno sentire e sono proattivi!

La nata  Macroregione Mediterranea è oggi un fulcro di raccolta di energie e iniziative e muterà tutto il panorama istituzionale.
In questo quadro rimbocchiamoci  le maniche per lavorare insieme alle soluzioni.

La Macroregione Mediterranea, con il suo modello partecipativo e meritocratico, non solo è un riferimento importante per responsabilizzare tutti, ognuno nel suo specifico ruolo.
E’ anche promotrice di iniziative, atte a risolvere i problemi più urgenti e rilevanti e prevenire quelli che potrebbero sorgere.

Un nuovo futuro sostenibile si sta facendo avanti.
Tutti noi possiamo e dobbiamo farne parte.

Donatella Agrizzi

Articoli Relativi

PREMIO STUDENTI CIVICRATICI

PREMIO STUDENTI CIVICRATICI

PREMIO STUDENTI CIVICRATICI A BUSTO ARSIZIO Civicrazia, nell'ambito delle Antenne Civicratiche,  ha istituito già da anni il Premio Studenti Civicratici. Giovedì 6 giugno 2024 sono stati premiati quattro studenti degli Istituti Acof - Olga Fiorini di Busto Arsizio...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *