lunedì 23 Gennaio 2023

L’Italia è più coesa dei suoi politici

mercoledì 16 Dicembre 2009 23:57
Notizie Visto da Civicrazia

 Giorgio Napolitano: "L’Italia è più coesa dei suoi politici"
Una politica sempre più fatta di gossip, accuse, e vicendevoli recriminazioni è stato il terreno fertile da cui è scaturito il gesto di Massimo Tartaglia? Anche qualora l’aggressione al Presidente del Consiglio sia solo il solitario assalto di un folle, alcuni commenti sconsiderati all’episodio lasciano spunto ad importanti riflessioni. Tra questi ricordiamo le scritte spray con cui vandali a Livorno domenica notte avevano inneggianti alla morte di Berlusconi o, riportato sui muri della facoltà di Psicologia a La Sapienza di Roma – ancor più grave in quanto centro culturale di nevralgica importanza -, l’inneggiamento «Massimo Tartaglia, a Natale si può fare di più».
Napolitano descrive come difficile l’attuale legislatura, esasperata dai conflitti, appellandosi ancora una volta alla società civile italiana che “si mostra più forte e coesa dell’immagine che ne dà la politica". Afferma il Capo dello stato durante la premiazione degli italiani medaglie d’oro a Pechino: "Il mondo dello sport, ma anche altri mondi che amo citare come quello della ricerca e del volontariato, testimoniano la ricchezza e i valori della società italiana che si mostra ancora una volta più forte e coesa dell’immagine che ne dà la politica, così segnata da esasperato conflitto".
Elogi, da parte di Napolitano, anche al mondo dell’associazionismo e del volontariato: "C’è uno slancio di solidarietà straordinario, gente che lavora insieme, molto unita e convinta, al di là di come la possa pensare politicamente". Civicrazia non può che concordare.

Leggi gli altri articoli della sezione

Translate »