diritti cittadinoAlla luce dei continui episodi di violenza e sopraffazione perpetrate in rete, il Garante  della privacy dedica la Giornata europea della protezione dei dati personali, al fenomeno del cyberbullismo per cercare nuovi strumenti di contrasto ad un problema così delicato. Si sa, ormai, l’uso della rete e dei social network ha cambiato il modo di fare comunicazione. Essi offrono enormi opportunità, ma presentano anche dei rischi. Ecco la necessità di una campagna di informazione e di sensibilizzazione per mettere in evidenza i lati oscuri della rete e allertare sugli aspetti distorsivi che possono emergere dall’uso poco avveduto o poco responsabile di questo strumento. L’obiettivo del Garante, è quello di aiutare i ragazzi a servirsi di questi strumenti di libertà in maniera consapevole e sicura, e di promuovere una sempre più forte cultura del rispetto e il grande valore che rappresenta la protezione dei dati personali. E ha chiamato, a discuterne insieme, il mondo della scuola e quello dei social network, mettendo a disposizione sul proprio sito web un “video di animazione” con le istruzioni per un uso consapevole dei social network, e un test con venti semplici domande per verificare il grado di conoscenza dei principali rischi che si possono correre in rete dando ampie informazioni sui nostri dati personali.

Civicrazia non può che sostenere ben volentieri iniziative di sensibilizzazione verso i cittadini, in questo caso specifico “giovani cittadini”, sui diritti legati alla tutela della riservatezza, della dignità della persona e delle libertà fondamentali.