venerdì 3 Febbraio 2023

Il debito pubblico aumenta come le entrate tributarie

sabato 20 Maggio 2017 16:15
Notizie
Il debito pubblico aumenta come le entrate tributarie
 
E’ di poco fa la notizia secondo la quale il debito pubblico italiano del mese di marzo sarebbe arrivato a 2260,3 mld di euro, aumentato di 20 miliardi circa in un mese.
Il debito sembrerebbe essersi incrementato per la revisione del fabbisogno delle amministrazioni centrali.
Dunque non di quelle territoriali, non per le spese pensionistiche, non per altro.
Ecco che subito si tenta di trovare spiegazioni più o meno credibili che cerchino di rendere più accettabile la notizia, soprattutto a ridosso di una più che probabile imminente apertura della nuova campagna elettorale.
Infatti si parla di un orizzonte più vicino per il voto (qualcuno dice ottobre 2016) con la maggioranza che ha voluto far calendarizzare alla camera il testo della nuova legge elettorale già per fine mese: si vedrà, come tutto, del resto.
Ciò che è chiaro è che in momenti di grave affanno per i cittadini, con delle entrate fiscali che per altro sembrerebbero in aumento rispetto ai periodi precedenti (quindi maggiori disponibilità dello Stato) è difficile far passare questo messaggio di maggiore indebitamento (che i cittadini poi dovranno pagare).
L’Italia ha tanto da imparare dagli alleati europei, e soprattutto gli italiani dovrebbero imparare di più dall’esperienza e cercare di essere più attenti in cabina elettorale.

Il Governo è avvisato.

Translate »