Mar 1, 2019 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

IL BULLISMO NON S’ARRESTA

La sensazione, ed è in verità più di una sensazione, è quella di una deriva e di una pericolosa inversione sociale, come se tutte le lotte, i percorsi per i diritti umani, o diritti della persona, scivolassero come acqua fresca sulle epidermidi collettive. Ancora assistiamo a preoccupanti fenomeni di bullismo, alla incapacità di costruire relazioni sane nelle fasce giovanili. Da un sondaggio diffuso da Save The Children, con il sostegno dell’Invalsi, nell.’ambito della campagna nazionale “UP-prezzami” contro gli stereotipi, ideata e lanciata da oltre 400 ragazzi e ragazze tra i 14 e i 22 anni impegnati in azioni di sensibilizzazione e cittadinanza attiva in 15 città italiane, è emerso un dato purtroppo ancora inquietante e che riguarda il fatto che 3 ragazzi su 5 è stato vittima di bullismo, oggetto di violenze, discriminazioni, minacce. I numeri attestano un fenomeno inarrestabile: il 61% degli studenti intervistati ha subito violenze da parte di coetanei; di questo il 17% risulta vittima  di calunnie; 1 su dieci ha subito furti ,pestaggi e minacce. Sotto il profilo della denuncia, il 32% ha scelto di parlarne con i propri genitori, un altro 32% si riferisce agli amici mentre c’è un 31% che si nasconde.

Altro aspetto emblematico è che il luogo dove si consumano tali atti, sede della discriminazione,  è la scuola, che è il luogo deputato alla formazione, alla pedagogia relazionale,alla sana aggregazione oltre che alla trasmissione dei saperi. Segue la strada e i social network. 
Interessante ed efficace l’immagine simbolo che è stata scelta per la campagna, che è quella di un codice a barre che rappresenta le etichette con le quali, in maniera superficiale, si giudicano gli altri, considerati nel loro aspetto esteriore prevalentemente, e accompagnato da uno slogan “Non fermarti all’etichetta”. Secondo l’80% degli intervistati le etichette si sostanzierebbero nella omosessualità, nell’appartenenza  alle comunità rom, nell’essere obesi o poveri, disabili, di religione islamica.
Un terreno in cui c’è molto da lavorare perchè si possa parlare finalmente di svolta civicratica.

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *