IMG_2397

Lug 21, 2023 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

FARE LUCE SULLE PFAS

Chiarire cosa sono le PFAS e le loro conseguenze

Le PFAS, o sostanze perfluoroalchiliche, sono conosciute con questo nome perché si degradano molto difficilmente nell’ambiente, contaminandolo a tempo quasi indefinito. 

Questi composti chimici vengono utilizzati in una moltitudine di prodotti di uso comune come

tessuti, schiume antincendio, rivestimenti, vernici e moltissimo altro ancora. 

Questa contaminazione comporta un serio problema di salute pubblica dato che si tratta di interferenti / perturbatori endocrini che diversi studi hanno associato a problemi dello sviluppo, ipertensione gestazionale, nascita di bimbi sottopeso, diabete, colesterolo alto, riduzione della risposta immunitaria, tumori, infertilità e lo sviluppo di vari tipi di cancro, tra cui leucemia, tumore al seno e al pancreas.

Allo stato manca del tutto una chiara necessaria informazione. 

 

Donne incinte e le PFAS

Le analisi del sangue di 302 donne incinte e del cordone ombelicale dei loro bambini appena nati hanno rilevato che il 97% dei campioni era contaminato dalle PFAS.

Dai risultati è emerso che il sangue conteneva contaminazione da PFOS linearePFHxS, acido ottadecanedioico e acido desossicolico.

In concreto che conseguenze ci sono?

Abbiamo diritto a sapere. 

 

Vigili del fuoco e le PFAS

La divisa di un vigile del fuoco che si appresta a intervenire è una composizione di diversi strati pensati per difendere la pelle dal fuoco, dalle sostanze tossiche, dai fumi. Diversi strati per isolare e proteggere, che lasciano esposto solo il viso, che viene coperto da maschere filtranti solo se l’intervento lo richiede.

Per essere efficaci e svolgere il loro ruolo protettivo, i completi anti-fiamma devono essere costruiti con materiali resistenti al fuoco, e quelli in dotazione al Corpo nazionale dei vigili del fuoco (C.N.VV.F) contengono il Politetrafluoroetilene (Ptfe), più conosciuto come Teflon, e altri PFAS. Diversi pompieri italiani hanno raccontato di non sapere di essere potenzialmente esposti a queste sostanze tossiche, né di essere mai stati formati per evitare una contaminazione. 

Anche su quest’aspetto occorre che vi sia massima chiarezza.

 

Diana Maria Liguori

 

https://twitter.com/CivicraziaItaly/status/1682322023135969280?s=20

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *