lunedì 23 Gennaio 2023

Spariti due miliardi. Ma lo Stato dov’era?

giovedì 25 Febbraio 2010 18:33
Notizie

E’ ancora possibile minimizzare i recenti episodi di corruzione parlando di birbantelli ed episodi marginali? Civicrazia rilancia la sua richiesta di trasparenza alla politica alla luce del recente scandalo telefonico.
Uno scenario sconcertante delinea un’incrinatura strutturale del sistema. Ad essere coinvolti nella frode fiscale, questa volta, non più singoli imprenditori, piccoli o medi che siano, ma società al vertice del settore, esponenti politici di respiro internazionale allo stesso tavolo con boss della criminalità organizzata.

Il riciclaggio e l’impiego di capitali illeciti, secondo l’analisi investigativa in corso, avrebbe dato vita ad una vera e propria associazione per delinquere transnazionale e pluriaggravata, capace di far sparire oltre due miliardi dalle casse dello Stato.
Fondi neri, operazioni economiche fittizie, una rete di operazioni illegali complessa e articolata cui avrebbero preso parte società leader delle telecomunicazioni, ufficiali di polizia giudiziaria, legali compiacenti, politici ed esponenti di spicco della ‘ndrangheta calabrese.

Dov’era lo Stato in tutto ciò? Non possiamo, come civicratici, evitare di porci questi interrogativi.
Com’è stato possibile la realizzazione di una simile rete criminale?
E’ ipotizzabile una mancanza di controllo, certo. Il dubbio che permane, però, e ci lascia interdetti, è che possa sussistere una tesi ben più grave: ovvero che l’omissione di accertamenti nasconda piuttosto la consapevolezza di quanto stava accadendo e la volontà di tenerne all’oscuro i cittadini.

Civicrazia, espressione della società civile, pretende di sapere LA VERITA’. La politica e le istituzioni devono urgentemente fornire delle risposte.

Leggi gli altri articoli della sezione

Translate »