Nov 16, 2019 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

Civicrazia: una parola che racchiude un grande, civico, democratico progetto

La realizzazione di un modello a guida civicratica non è utopia, grazie all’impegno di cittadini e associazioni, (più di 4.000), riuniti in Civicrazia.
L’obiettivo, infatti, è quello di di sollecitare la PA ad operare per i cittadini, non essere autoreferenziale, in quanto espressione del potere pubblico, ed a consentire loro l’esercizio del ruolo sociale,tramite la partecipazione popolare e democratica alle scelte che li coinvolgono.
La partecipazione e l’esercizio dei diritti civili necessitano di regole chiare, non di apertura indiscriminata a soggetti che in realtà frenano il processo, no ad anarchia ed improvvisazione, ma l’implementazione di una organizzazione snella ed efficace per la soluzione di situazioni di palese ingiustizia, privilegi e disparità di trattamento.
L’ordinamento comunale civicratico sarà improntato al rispetto di alcuni principi cardine:
1. gli amministratori obbligati al rispetto di un preciso codice deontologico
2. le nomine a tutti i livelli trasparenti e meritocratiche
3. referendum propositivi e consultivi
4. introduzione della figura del Garante del Cittadino nominato dai cittadini e non dai politici
5. il bilancio partecipato e sociale
6. collegamento formale, regolamentare e istituzionale del Comune alla Macroregione Mediterranea.
Norme certe per sconfiggere la mala amministrazione, serva della mala politica che gravemente lascia segni ovunque.
Molti sono i comuni d’Italia in gravi difficoltà finanziarie, i servizi e l’assistenza ai cittadini non sono buoni in modo particolare al sud Italia, come scarse sono le opportunità di lavoro per i giovani e  l’ambiente non è curato anzi è depredato.
Solo con nuove regole, quelle civicratiche di Civicrazia si può avere il vero cambiamento nei Comuni, negli Enti pubblici, azioni che devono prevedere il continuo ascolto e potere decisionale dei cittadini.
Così si potrà avere la vera svolta e la fine della mala politica e mala amministrazione.

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *