martedì 7 Febbraio 2023

Il 68% degli italiani non vuole i delfinari in Italia

martedì 17 Maggio 2011 11:16
Eventi

lav
Basta giochi d’acqua nei delfinari del Belpaese. Il 68% degli italiani, infatti, vorrebbe proibire che i delfini vengano rinchiusi e si esibiscano in delle vasche come dei clown, perché tali pratiche non contribuiscono minimamente alla conservazione della biodiversità e dell’ambiente. Il risultato arriva da un recente sondaggio commissionato da One Voice, associazione animalista francese con la quale la Lav, tra le Associazioni Guida di Civicrazia, collabora da anni per porre fine alla cattura dei delfini allo scopo di segregarli in parchi acquatici per il divertimento umano. La ricerca, diffusa dall’associazione animalista italiana, è stato realizzato da Ipsos ad aprile e ha visto coinvolti i cittadini di quattro Paesi europei: Italia, Francia, Spagna e Germania.
I risultati fanno trasparire, da parte degli intervistati, una buona sensibilità e consapevolezza delle sofferenze imposte ai delfini nelle vasche dei delfinari: la maggioranza degli intervistati, infatti, ha riconosciuto i gravi pericoli in cui incorrono questi mammiferi, confinati in spazi ridotti:  l’82% ha dichiarato che i delfini possono subire forti stress a causa degli spettacoli e dei rumori degli spettatori, fino a mostrare gravi depressioni che, in vari casi, hanno portato ad automutilazioni e suicidi.L’81% degli intervistati ha ammesso che i delfini sono più felici in natura (84% del totale degli intervistati) e il 73% (78% del totale) si è dichiarato contrario alla cattura dei delfini in natura per destinarli ad una vita in cattività (delfinari o parchi di divertimento), fino ad arrivare al 96% degli italiani che si augura che in futuro la cattura dei delfini per essere esibiti in tali strutture sia proibita o strettamente regolamentata (95% del totale del campione).
Secondo gli intervistati, inoltre, la cattività aumenta il tasso di mortalità dei delfini (66% degli italiani, 63% del totale) e il 71% degli italiani pensa che i delfinari non permettano di comprendere come gli animali vivano in natura. Il dato sulla mortalità è confermato dai tanti decessi avvenuti negli ultimi anni nelle vasche e sui quali la LAV ha chiesto al Ministero dell’Ambiente maggiori controlli. L’obiettivo è cercare di chiudere i delfinari, così come sta accadendo in altri Paesi, ad esempio in Grecia. In Italia, infatti, la specie normalmente utilizzata a questo scopo per la sua intelligenza è quella dei delfini Tursiopi,  che stabilisce precisi criteri in merito al loro “utilizzo “, in quanto specie gravemente minacciata di estinzione e particolarmente protetta da norme internazionali. “Il problema è che, di fatto, tali criteri, sia pure inadeguati, non sono minimamente rispettati in nessuna delle strutture in cui delfini sono detenuti, contribuendo ad aggravarne il tasso di mortalità, peraltro molto elevato in Italia sia per incidenti sia per le gravi conseguenze dovute allo stress a cui questi sensibilissimi animali sono quotidianamente sottoposti”, afferma Nadia Masutti della LAV.

Translate »