IMG_2203

Giu 1, 2023 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

BASTA CON LE VIOLENZE SULLE DONNE

“Non sai cucinare”: finisce male per il marito che picchia e offende la moglie.

Lei era dovuta fuggire di casa con il bambino.

“Non vali niente, cucini male” – erano le parole dell’uomo mentre le dava calci e schiaffi.  Il 29 maggio per l’imputato è arrivata una condanna a due anni per maltrattamenti in famiglia.

La violenza contro le donne rappresenta un importante problema di sanità pubblica, oltre che una violazione dei diritti umani.

La violenza ha effetti negativi, a breve e a lungo termine, sulla salute fisica, mentale, sessuale e riproduttiva della vittima.  Le conseguenze possono determinare per le donne isolamento, incapacità di lavorare, limitata capacità di prendersi cura di sé e dei propri figli. I bambini che assistono alla violenza all’interno dei nuclei familiari possono soffrire di disturbi emotivi e del comportamento.

Gli effetti sulla violenza di genere si ripercuotono sul benessere dell’intera comunità.

A chi rivolgersi:

112: chiamare il numero di emergenza senza esitare, né rimandare in caso di aggressione fisica o minaccia di aggressione fisica; se si è vittima di violenza psicologica; se si sta fuggendo con i figli (evitando in questo modo una denuncia per sottrazione di minori); se il maltrattante possiede armi.

1522: Numero antiviolenza e anti-stalking, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

Pronto Soccorso: soprattutto se si ha bisogno di cure mediche immediate e non procrastinabili. Gli operatori sociosanitari del Pronto Soccorso, oltre a fornire le cure necessarie, sapranno indirizzare la persona vittima di violenza.

A fini pratici ecco il

DECALOGO SALVADONNA

PUOI  SALVARE  E  MIGLIORARE  LA  TUA  VITA  E  QUELLA  DI  TUO  FIGLIO !

(ADESSO  LO  SAI)  !!!

Da un lavoro presentato dal Prof. Vincenzo  Mastronardi presso la Sede del Parlamento Europeo

VIOLENZA FISICA: Schiaffi, Pugni, Morsi, Spinte, Braccia contorte, Presa per i capelli, ecc.

VIOLENZA ECONOMICA: Controllo ossessivo con oppressione economica.

VIOLENZA SESSUALE: Stupro, Rapporti sessuali vissuti come violenza o umilianti, costrizione a rapporti con altri, ecc.

VIOLENZA PSICOLOGICA: Continue minacce e denigrazioni per l’attività o l’aspetto, Insana e tormentosa gelosia, Controllo angosciante della posta, delle amicizie e allontanamento coercizzante dalle parentele. Vuoto sociale.

Per evitare le quattro suddette violenze, il Decalogo dell’Osservatorio dei Comportamenti e della Devianza della Cattedra di Psicopatologia forense della 1a Facoltà di Medicina dell’Università di Roma “Sapienza” è il seguente:

1) Non permettere che ti isoli forzatamente dalla famiglia e dagli amici, denigrandoli e sradicandoti da un terreno affettivo amicale di riferimento;

2) Evita il controllo non oculato e produttivo della spesa ma per finalità diverse dal reale risparmio, ovverosia come controllo della persona (oppressione economica);

3) Osservare nel tuo partner eccessivi e frequenti cambi di umore anche minacciosi con un ossessivo continuo denigrare la tua attività, il tuo aspetto, il tuo abbigliamento, deridendoti in pubblico o in privato;

4) Presta attenzione all’eccessivo controllo dei tuoi percorsi, delle tue telefonate e delle amicizie;

5) Guardati dalla insana e tormentosa gelosia anche verso le amiche;

6) Sappi dire di “no” in modo chiaro e sereno se serve a creare confini sani. I troppi “si” creano autorizzazione a monopolizzarti;

7) Sta attenta alle colpevolizzazioni verso la tua persona in relazione a tutto ciò che accade in casa, nonché per il proprio stress e per le proprie frustrazioni;

8) Presta attenzione se vi sono ripetute intimidazioni verbali (minacce, parolacce), o non verbali come buttare a terra oggetti, per poi evolvere verso strattoni e spinte, che però ben presto possono evolvere in schiaffi, pugni e calci (il 31% degli Omicidi di donne sono commessi da mariti o fidanzati), il 66% delle persone sono uccise dal partner con una pistola, il 40% degli abusi sono commessi durante la prima gravidanza (fattore di rischio). La seconda causa di morte delle donne incinte è l’omicidio (ONU 12.10. 2006),;

9) Attenta ai comportamenti persecutori. (= Stalking o Sindrome delle Molestie Assillanti es.: telefonate anonime, sms, e-mail, vandalizzazioni, violazioni di domicilio, spiare, sorveglianza ossessiva della propria abitazione o sul lavoro;

10) Attenzione alle provocazioni continue per poi giungere alle liti, nonché alle strumentalizzazioni del figlio allo scopo di penalizzare il partner.

NB: Non dimenticare però che il 15% delle violenze domestiche, sono subite da uomini (ONU 2006) e spesso chi violenta può essere curato. Rivolgiti ai presidi specializzati.

(Da un lavoro di Vincenzo Maria Mastronardi,  Monica Calderaro)

Copyright ©

Nessuno sforzo deve essere evitato per fermare quest’ondata di violenza alle donne.

Eleonora Aleo

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *