IMG_2203

Giu 1, 2023 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

BASTA CON LE VIOLENZE SULLE DONNE

“Non sai cucinare”: finisce male per il marito che picchia e offende la moglie.

Lei era dovuta fuggire di casa con il bambino.

“Non vali niente, cucini male” – erano le parole dell’uomo mentre le dava calci e schiaffi.  Il 29 maggio per l’imputato è arrivata una condanna a due anni per maltrattamenti in famiglia.

La violenza contro le donne rappresenta un importante problema di sanità pubblica, oltre che una violazione dei diritti umani.

La violenza ha effetti negativi, a breve e a lungo termine, sulla salute fisica, mentale, sessuale e riproduttiva della vittima.  Le conseguenze possono determinare per le donne isolamento, incapacità di lavorare, limitata capacità di prendersi cura di sé e dei propri figli. I bambini che assistono alla violenza all’interno dei nuclei familiari possono soffrire di disturbi emotivi e del comportamento.

Gli effetti sulla violenza di genere si ripercuotono sul benessere dell’intera comunità.

A chi rivolgersi:

112: chiamare il numero di emergenza senza esitare, né rimandare in caso di aggressione fisica o minaccia di aggressione fisica; se si è vittima di violenza psicologica; se si sta fuggendo con i figli (evitando in questo modo una denuncia per sottrazione di minori); se il maltrattante possiede armi.

1522: Numero antiviolenza e anti-stalking, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

Pronto Soccorso: soprattutto se si ha bisogno di cure mediche immediate e non procrastinabili. Gli operatori sociosanitari del Pronto Soccorso, oltre a fornire le cure necessarie, sapranno indirizzare la persona vittima di violenza.

A fini pratici ecco il

DECALOGO SALVADONNA

PUOI  SALVARE  E  MIGLIORARE  LA  TUA  VITA  E  QUELLA  DI  TUO  FIGLIO !

(ADESSO  LO  SAI)  !!!

Da un lavoro presentato dal Prof. Vincenzo  Mastronardi presso la Sede del Parlamento Europeo

VIOLENZA FISICA: Schiaffi, Pugni, Morsi, Spinte, Braccia contorte, Presa per i capelli, ecc.

VIOLENZA ECONOMICA: Controllo ossessivo con oppressione economica.

VIOLENZA SESSUALE: Stupro, Rapporti sessuali vissuti come violenza o umilianti, costrizione a rapporti con altri, ecc.

VIOLENZA PSICOLOGICA: Continue minacce e denigrazioni per l’attività o l’aspetto, Insana e tormentosa gelosia, Controllo angosciante della posta, delle amicizie e allontanamento coercizzante dalle parentele. Vuoto sociale.

Per evitare le quattro suddette violenze, il Decalogo dell’Osservatorio dei Comportamenti e della Devianza della Cattedra di Psicopatologia forense della 1a Facoltà di Medicina dell’Università di Roma “Sapienza” è il seguente:

1) Non permettere che ti isoli forzatamente dalla famiglia e dagli amici, denigrandoli e sradicandoti da un terreno affettivo amicale di riferimento;

2) Evita il controllo non oculato e produttivo della spesa ma per finalità diverse dal reale risparmio, ovverosia come controllo della persona (oppressione economica);

3) Osservare nel tuo partner eccessivi e frequenti cambi di umore anche minacciosi con un ossessivo continuo denigrare la tua attività, il tuo aspetto, il tuo abbigliamento, deridendoti in pubblico o in privato;

4) Presta attenzione all’eccessivo controllo dei tuoi percorsi, delle tue telefonate e delle amicizie;

5) Guardati dalla insana e tormentosa gelosia anche verso le amiche;

6) Sappi dire di “no” in modo chiaro e sereno se serve a creare confini sani. I troppi “si” creano autorizzazione a monopolizzarti;

7) Sta attenta alle colpevolizzazioni verso la tua persona in relazione a tutto ciò che accade in casa, nonché per il proprio stress e per le proprie frustrazioni;

8) Presta attenzione se vi sono ripetute intimidazioni verbali (minacce, parolacce), o non verbali come buttare a terra oggetti, per poi evolvere verso strattoni e spinte, che però ben presto possono evolvere in schiaffi, pugni e calci (il 31% degli Omicidi di donne sono commessi da mariti o fidanzati), il 66% delle persone sono uccise dal partner con una pistola, il 40% degli abusi sono commessi durante la prima gravidanza (fattore di rischio). La seconda causa di morte delle donne incinte è l’omicidio (ONU 12.10. 2006),;

9) Attenta ai comportamenti persecutori. (= Stalking o Sindrome delle Molestie Assillanti es.: telefonate anonime, sms, e-mail, vandalizzazioni, violazioni di domicilio, spiare, sorveglianza ossessiva della propria abitazione o sul lavoro;

10) Attenzione alle provocazioni continue per poi giungere alle liti, nonché alle strumentalizzazioni del figlio allo scopo di penalizzare il partner.

NB: Non dimenticare però che il 15% delle violenze domestiche, sono subite da uomini (ONU 2006) e spesso chi violenta può essere curato. Rivolgiti ai presidi specializzati.

(Da un lavoro di Vincenzo Maria Mastronardi,  Monica Calderaro)

Copyright ©

Nessuno sforzo deve essere evitato per fermare quest’ondata di violenza alle donne.

Eleonora Aleo

Articoli Relativi

PREMIO STUDENTI CIVICRATICI

PREMIO STUDENTI CIVICRATICI

PREMIO STUDENTI CIVICRATICI A BUSTO ARSIZIO Civicrazia, nell'ambito delle Antenne Civicratiche,  ha istituito già da anni il Premio Studenti Civicratici. Giovedì 6 giugno 2024 sono stati premiati quattro studenti degli Istituti Acof - Olga Fiorini di Busto Arsizio...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *