domenica 22 Gennaio 2023

A Torino si incentiva chi non installa slot e macchinette nel proprio locale

martedì 21 Marzo 2017 16:55
Notizie

A Torino si incentiva chi non installa slot e macchinette nel proprio locale


A Torino chi non installa videolottery o slot quando apre un nuovo locale, avrà un incentivo dal comune. Chiara Appendino, e la giunta da lei guidata, hanno così approvato una delibera proposta dall’assessore al commercio Alberto Sacco. L’atto prevede tutta una serie di agevolazioni a chi chiederà una nuova licenza agli uffici comunali: strutture accessibili ai disabili, aree baby friendly, wi-fi gratuito, apertura garantita nella aree turistiche durante le festività ed altro. Chiedendo una nuova licenza, l’amministrazione abbasserà del 20 per cento la monetizzazione dei parcheggi, la spesa con cui si vuole compensare il disagio provocato ai cittadini dall’arrivo massivo di vetture vicino ai locali, eliminando le barriere architettoniche, mentre nelle altre circostanze rateizzerà il costo in sette anni e non cinque. Per il M5S è il modo adeguato non solo per rendere più accoglienti i locali ma anche per contrastare il fenomeno delle ludopatie.  Ovviamente tante le proteste da parte degli esercenti per i quali, quello delle macchinette, rappresenta un consistente introito. Questa faccenda, a prescindere dal colore politico, stigmatizza che un intervento dello stato può, spesso, introdurre misure adeguate. Amministrare una città significa assumersi il gravoso peso delle sue mancanze e cercare di porvi rimedio.  Noi di Unione Civicratica siamo sempre dalla parte dei cittadini. Combattere le inutili spese ed educare il prossimo ad un oculato consumo sono obbiettivi primari.

Translate »