Tempo di lettura: 8 minuti

UTILIZZARE I FONDI CI COESIONE: UN IMOEGNO PRIORITARIO

Cosa sono i Fondi di Coesione

I Fondi di Coesione rappresentano una risorsa fondamentale per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano.

Grazie a tali fondi, infatti, vengono avviati progetti di conservazione dei beni culturali e di miglioramento dei servizi turistici.

I suddetti fondi vengono utilizzati anche per la rigenerazione urbana, lo sviluppo di aree marginali, il supporto alle imprese culturali e la promozione dell’innovazione sociale. La cultura è, quindi, un elemento chiave per la coesione sociale e lo sviluppo territoriale.

 

Alcuni esempi di utilizzo dei Fondi di Coesione 

I Fondi di Coesione sono stati fondamentali per le mura storiche di Ferrara. Infatti sono stati recuperati i baluardi medievali di questa città e Porta Paola.

Questi Fondi sono stati utilizzati anche per riqualificare le mura storiche dell’Aquila. Sono state, inoltre, create nuove aree verdi, sono state installate illuminazioni notturne e sono state abbattute  barriere architettoniche.

I Fondi di Coesione hanno permesso anche il restauro di 70 edifici nel sito archeologico di Pompei. Grazie al restauro sono riemersi numerosi reperti e oggetti, parte dei Fondi è stata utilizzata per rendere accessibile il sito anche alle persone affette da disabilità e per mettere in sicurezza gli edifici nei confronti degli eventi meteorologici dirompenti, che potrebbero danneggiarli.

 

Il ruolo rilevante dei Fondi di Coesione 

I Fondi di Coesione sono fondamentali sia dal punto di vista artistico, in quanto permettono il restauro e la valorizzazione di luoghi di interesse culturale, sia dal punto di vista sociale ed economico.

Valorizzare i luoghi in questione porta, infatti ad un notevole aumento del numero dei visitatori, che genera a sua volta uno sviluppo sociale ed economico.

La costruzione di un’interconnesione fra Enti locali e l’apertura ai nuovi contesti internazionali con lo sviluppo macroregionale è oggi la sola carta vincente. In tal senso le esperienze avanzate formative specifiche in corso per Relatori in materia di Coesione e Sviluppo che promuovono lo sviluppo cooperativo degli enti locali, non solo in campo nazionale ed europeo ma soprattutto  nell’ambito dell’azione sinergica della Macroregione Mediterranea.

Carla Furca

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *