Tempo di lettura: 8 minuti

TUTTI ACCANTO AI BAMBINI DI TORINO. ORA CONTROLLARE I SERVIZI SOCIALI E DARE UN RUOLO PROCESSUALE AL GARANTE DELL’ INFANZIA

Centinaia di striscioni e cartelli per la Città, creazione di un gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/bambino.strappato.in.manicomio.per.bambini con più di 1.500 iscritti, 
un crescere di iniziative che manifestano piena solidarietà a fianco dei due bambini di Torino.

MINORI AFFIDATI AI NONNI MATERNI

La coppia dei fratelli torinesi, dopo oltre un triennio fra strutture e affidatari (e un fratello bombardato pure di psicofarmaci), finalmente è stata ora affidata ai nonni materni.  La situazione familiare da cui provengono questi due bambini, che oggi hanno 11 e 4 anni, è alquanto complessa, con molte conflittualità tra i genitori.  La mamma nel 2020 si rivolse ai Servizi sociali ma questi, – invece di programmare un piano di aiuto a questa donna e cercare altri parenti che intervenissero nell’accudimento dei bambini -, provvidero a redigere una relazione in seguito alla quale non solo si allontanavano i due figli da lei, ma addirittura si avviò la pratica per fare adottare i bambini. Tutto ciò senza minimamente pensare di avviare un percorso di sostegno ai genitori né cercare altri parenti – in questo caso i disponibili  nonni materni – come soluzione meno traumatica al collocamento presso estranei. Tra l’altro i due bambini sono stati divisi, creando in loro un profondo stato di angoscia, ansia e prostrazione.  Il meno piccolo è stato ospitato in una struttura, il più piccolo presso affidatari. E come metodo per contenere la sua rabbia e frustrazione, il maggiore dei bambini è stato sottoposto a una pesante cura farmacologica. Fortunatamente i nonni hanno combattuto tantissimo  per avere con loro i bambini.

INTERVENTO DEL TRIBUNALE

Alla fine, lo scorso ottobre, il Tribunale per i minorenni del Piemonte e della Valle d’Aosta ha finalmente deciso di collocare i due minori presso i nonni materni, figure amorevoli che i bambini conoscono bene, ricongiungendoli così alla loro famiglia d’origine e  riunendoli di nuovo insieme. Però ci sono voluti tre anni di tempo, durante i quali i bambini hanno subito un continuato trauma che ora davvero difficilmente riusciranno a curare.  Accade troppo spesso che i Servizi Sociali fanno il bello e il cattivo tempo, separando dolorosamente  i figli minori dal nucleo originario e anche tra loro. Bisogna controllare  i Servizi sociali prima di emanare atti di questo genere in modo che i Tribunali dei Minori abbiano più approfondite tali situazioni delicate. Bisogna, inoltre, subito dare in tali casi  un ruolo processuale al Garante dell’Infanzia e, in mancanza, al Difensore Civico.  Maria Loreto

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *