Assenza per malattia e lavoratori fragili le ultime disposizioni
Tempo di lettura: 8 minuti

TUTELARE I LAVORATORI FRAGILI

A distanza di quasi 4 anni dall’inizio della pandemia da COVID-19,  che ha portato alla ribalta l’annoso  problema dei lavoratori fragili, tale problema è ancora lontano dall’essere risolto.

Non esiste ancora, infatti, una tutela strutturale per i lavoratori fragili.

SMART WORKING SOLO PER ALCUNI

Attualmente, solo i lavoratori fragili che hanno una mansione compatibile con lo smart working possono usufruire di questa modalità di lavoro, ma solo fino al 31 dicembre 2023. Invece, i lavoratori fragili con una mansione incompatibile con lo smart working, dichiarati di nuovo inidonei temporaneamente alla propria mansione lavorativa dal medico competente, sono andati incontro a decurtazioni dello stipendio, fino ad arrivare al licenziamento per il superamento dei giorni di comporto (malattia ordinaria).

TUTELA COSTITUZIONALE

Se è vero che ogni cittadino italiano è uguale davanti alla legge e ha le stesse tutele previste dalla Costituzione, perché questi lavoratori non vengono adeguatamente tutelati, magari con il cambio mansione che gli consenta di usufruire dello smart working?

RICONOSCIMENTO DEL PROBLEMA

Per ben 4 volte il lavoro agile per i lavoratori fragili è stato prorogato. Quindi la legge riconosce che i lavoratori fragili vanno tutelati, in quanto a causa delle loro pluripatologie e invalidità hanno gravissimi rischi se vanno incontro ad infezioni da agenti patogeni, in particolare quelli respiratori incluso il COVID-19.
Covid-19, raccomandazioni per le persone immunodepresse (salute.gov.it)

DISCRIMINAZIONI INACCETTABILI

È veramente imbarazzante come in un paese civile come l’Italia possano esistere queste differenze di trattamento di tutele per dei cittadini contribuenti, come sta succedendo dal 1° luglio 2022 ad oggi nei confronti dei lavoratori fragili.

APPELLO AL PARLAMENTO

Come lavoratori fragili uniti, chiediamo al Parlamento che venga varata una legge strutturale che vada a tutelare tutti i lavoratori fragili, anche con l’obbligo del cambio di mansione.

Silvano Antori

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *