giovedì 26 Gennaio 2023

alessandro sacchi nENDChkU9ss unsplash

 

Sul patrimonio storico, artistico e paesaggio, allo Stato è data l’azione di tutela sul territorio della nazione.
Ai Cittadini e loro organismi è dato il compito di promuovere e organizzare interventi di informazione, sensibilizzazione dell’opinione pubblica, creare occasioni per riflettere sulla nostra cultura e per migliorare la qualità dell’ambiente in cui viviamo.
Civicrazia ha messo da sempre  al primo posto la difesa e la salvaguardia dei patrimoni culturali e ambientali e impegna la coalizione di Soggetti e oltre 4000 Associazioni, che rappresenta, affinché il potere pubblico sia davvero al servizio del Cittadino.
L’azione di Civicrazia è chiara:  incentivare gli strumenti normativi, le attività di difesa sui territori e stimolare e affiancare la partecipazione delle comunità attive sul territorio.
Un’attenzione particolare è posta a quanto previsto nel Piano Nazionale Complementare al PNRR, riguardante interventi per la riqualificazione culturale, il restauro e il recupero del patrimonio culturale e per interventi in ambito paesaggistico.
 La tutela del patrimonio culturale e paesaggistico è oggi affiancata da ingenti risorse finanziarie ed essa destinate, sia a livello statale, sia tramite l’utilizzo di fondi europei.
In proposito va detto, secondo quanto riportato dall’ufficio stampa della Corte dei Conti nel comunicato n. 80 del 22/12/2020: “Pur considerando la natura, la tipologia e la complessità della tutela e conservazione del bene pubblico, la gestione degli interventi è apparsa per lo più contrassegnata da una logica dell’emergenza non legata a quel circuito virtuoso di una programmazione pluriennale che aveva originato l’istituzione del Fondo stesso”. La Corte dei Conti continua, evidenziando  il “carattere esclusivamente manutentivo dei beni culturali” e le “scarse risorse finanziarie, esigue a fronte dell’entità del patrimonio culturale presente nel nostro Paese”.
In questo contesto, l’interesse di Civicrazia è a favore di ogni iniziativa che voglia affrontare in modo moderno e professionale l’attività di salvaguardia, sponsorizzando l’esigenza di un salto di qualità.
Un salto qualitativo in cui le Guide territoriali sono a disposizione dei Cittadini, comitati, associazioni, persostegno e per segnalare fatti lesivi dell’ambiente (coste, boschi, discariche, ecc.) e di beni culturali (monumenti, centri storici, ecc.).
Occorre che operano sinergicamente Volontari del territorio, impegnati a spiegare, ad aiutare, a difendere i beni culturali e ambientali, organizzati in una filiera in rete, in stretto coordinamento con i diversi livelli di governo,  preposti alla conservazione del patrimonio artistico, culturale e del paesaggio.
Sosteniamo anche le propulsive attività  dell’Associazione Nazionale dei Difensori Civici Italiani con
un  Piano d’Azione mirato e strutturato intorno al pilastro dei Garanti Nazionali,
un Corpo Scelto che assicura Standard di impegno e partecipazione, in una visione generale della democrazia partecipata e meritocratica.
Sosteniamo l’Azione sinergica nel contesto composito di siti culturali a rischio, nonostante risorse finanziarie inadeguate, destinate a livello statale tramite l’utilizzo di fondi europei e dell’UNESCO e con l’impulso oggi della Macroregione Mediterranea, la più grande innovazione istituzionale odierna.
Un complesso patrimonio di beni culturali e ambientali da difendere e salvaguardare, arricchito con l’humus culturale delle civiltà del Mediterraneo  da consegnare conservato e valorizzato alla posterità.
Translate »