venerdì 3 Febbraio 2023

parentopoliScoprire i legami di parentela dietro le graduatorie di assegnazione delle case pubbliche.
Questo uno degli obiettivi dell’indagine condotta dalla polizia municipale di Napoli sulle modalità di assegnazione degli immobili comunali, in un’inchiesta più grande che mira a far luce anche sugli appalti assegnati in materia di assistenza ai disabili.
Fare chiarezza quindi su possibili manovre di tipo clientelare da parte di esponenti del mondo sindacale e politico. Ecco il punto finale di questa indagine nata su iniziativa del comandante provinciale Luigi Sementa, e sotto il coordinamento del pool mani pulite Francesco Greco.
Materialmente l’inchiesta analizzerà i dati anagrafici di alcune persone che risultano iscritte nei progetti di assistenza per disabili, per scovare eventuali legami di parentela con forze dell’ordine, esponenti politici e dei sindacati. Nella stessa direzione anche l’accertamento delle liste di assegnazione della case comunali e i posti di lavoro finanziati da fondi pubblici.

Clientelismo e manovre nascoste sono male pratiche che non fanno altro che disaffezionare il cittadino dalla buna politica allontanandolo da una partecipazione reale e coscienziosa nei confronti dell’amministrazione della res publica.
Civicrazia ritiene sia arrivato il momento di invertire la rotta, sostenendo indagini di questo tipo che puntano a riportare la legalità e la trasparenza nella pubblica amministrazione.
Una svolta civicratica è possibile grazie alla cooperazione tra tutte le forze in campo, cittadini e associazioni in primis. La società civile deve ergersi ad esempio come controllore della politica. 

Ecco perché il prossimo Sindaco di Napoli deve essere scelto dai napoletani: questo lo scopo del progetto NAPOLI INNANZITUTTO.

Translate »