Tempo di lettura: 8 minuti

PRESERVARE LA BIODIVERSITA’

LA BIODIVERSITA’

La biodiversità è la ricchezza di vita sulla terra, l’insieme di esseri viventi che popolano la terra: milioni di piante, animali, microrganismi, i geni che essi contengono, i complessi ecosistemi che essi costituiscono nella biosfera.

La tutela della biodiversità è  un cardine importante delle politiche di conservazione della natura e di contrasto ai cambiamenti climatici.

Oggi essa è a rischio a causa del dirompente impatto delle attività umane.

Il Programma ambientale delle Nazioni Unite è centrato proprio  sul cambiamento climatico, sulla perdita di integrità della biosfera e sull’inquinamento degli ecosistemi.   Per un mondo in salute, per la sopravvivenza e la prosperità delle attività umane è essenziale preservare la biodiversità.

 

RAPPORTO ANNUALE SULLA BIODIVERSITA’ IN ITALIA

Il 22 Maggio, in occasione della giornata della biodiversità, il National Biodiversity Future Centre ha organizzato un Forum a Palermo a cui hanno partecipato numerosi ricercatori provenienti da tutte le parti del mondo in cui è stato presentato il Primo Rapporto Annuale sulla biodiversità in Italia.

Con circa 10 mila specie di piante e 61 mila di animali, si legge nel rapporto, «l’Italia è il Paese con maggior abbondanza di specie, di habitat e con il maggior tasso di specie endemiche. Ben oltre il 50% delle specie vegetali e il 30% delle specie animali di Interesse Conservazionistico Comunitario sono endemismi italiani, ovvero si trovano solo all’interno dei nostri confini».

Purtroppo il 68% degli ecosistemi è in pericolo e l’89% delle aree naturali di interesse comunitario versa in un cattivo stato di conservazione. Una piattaforma nazionale di raccolta delle informazioni sulla biodiversità italiana farà da supporto per le attività di tutela.

Bisogna evidenziare che la grande varietà di ecoregioni ed ecosistemi che caratterizza il territorio italiano si riflette in un’ampia diversità in termini di biodiversità, distribuita per la maggior parte al di fuori delle aree protette, e che spesso vive a stretto contatto con l’uomo e le loro attività come nelle aree urbane e limitrofe. Per preservare tutta la biodiversità italiana, dunque, bisogna concentrarsi anche sulle aree naturali non protette, su quelle degradate, su quelle fortemente antropizzate.

 

MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA, MAGGIORI BENEFICI

Civicrazia sta sviluppando consapevolezza della società italiana nei confronti della biodiversità. Tale consapevolezza  metterà in luce il valore, rendendola attrattiva per i portatori di interesse come le imprese. Non saranno trascurabili i benefici della cura della biodiversità  alla salute umana, sia fisica che mentale, oltre che agli ecosistemi.

Annunziata Patrizia Difonte

 

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *