domenica 9 Maggio 2021

Petizione, inoltrata dal Difensore Civico Giuseppe Fortunato, al Parlamento contro gli ingiusti limiti d’età per l’accesso nelle Forze Armate

domenica 25 Aprile 2021 00:27
Battaglie
Al Presidente del Senato della Repubblica
Al Presidente della Camera dei Deputati
Petizione al Parlamento ex art. 50 della Costituzione
contro gli ingiusti limiti d’età nelle Forze Armate
Quale Difensore Civico della Regione Campania ho ricevuto un accorato e condiviso appello di giovani che subiscono l’assurda discriminazione di non potere partecipare ai concorsi per le Forze Armate,
pur avendo passione, competenza e altri requisiti in abbondanza.
Mi è stato riferito da tali giovani:

 

“Spesso ci viene detto che gli anni d’età sono solo un numero e che i valori che fanno un uomo una donna non sono di certo da ricercare sulla carta d’identità.

Ma nella nostra amata Italia un numero è quello che fa la differenza tra una speranza o una delusione.

Sì ,perchè in Italia è ancora presente un ingiusto requisito per accedere alle Forze Armate: il limite di età”.

E ancora:

“Di certo non è l’età a determinare la forma fisica e psicologica di una persona, ma l’impegno, la costanza, la competenza e la passione che vengono dedicati alla causa.

L’età semmai è un valore aggiunto, perchè l’esperienza ci rende migliori.

Andando a vedere i principali Paesi UE e del mondo constatiamo che in Italia è presente uno dei più bassi limiti di età”.

E poi:

“Vorremmo una classe dirigente che come prerogativa abbia la voglia di mettere tutti i cittadini allo stesso livello e che dia la possibilità di intraprendere una carriera nelle Forze Armate anche a chi ha costruito competenze ed esperienze che hanno consolidato tale desiderio.

Sarebbe giusto inserire nuovi requisiti, come ad esempio rendere le prove culturali, fisiche, psicologiche per l’accesso ai corsi più selettive e rigorose, alzando la difficoltà delle stesse in modo da vedere chi realmente è predisposto a tale carriera ma  eliminare un requisito anagrafico che di giusto non ha nulla”.

 

E infine alcune giuste domande attendono un riscontro positivo:

“E se quella scelta di servire la Patria in questo modo e intraprendere una carriera nelle Forze armate fosse arrivata con la consapevolezza che l’età sa dare?

Correlativamente perché privare la Difesa della Patria proprio di chi ha consolidato esperienze e competenze che vuole offrire nelle Forze Armate”.

Si chiede, pertanto, che questa Petizione, inoltrata formalmente da questo Difensore Civico ma sostanziante le giuste aspirazioni di una fascia qualificata di giovani che vuole solo avere la possibilità di concorrere e dimostrare il proprio valore,

sia trasmessa, ai sensi del regolamento, alla competente Commissione parlamentare per il più celere iter di modifica normativa.

Si chiede di essere ascoltato in merito.

Avv. Giuseppe Fortunato