Tempo di lettura: 8 minuti

LAVORATORI FRAGILI. TUTELE ANCORA INCERTE

Chi sono i lavoratori fragili?

Lo scoppio della pandemia da Covid-19 ha portato all’attenzione pubblica l’annoso problema dei lavoratori fragili, ma la loro definizione precisa rimane ancora incerta.
In generale, si tratta di persone con un sistema immunitario compromesso, come ad esempio:
  • Pazienti immunodepressi
  • Persone trapiantate
  • Persone affette da malattie autoimmuni
  • Persone con malattie oncologiche o oncoematologiche
Queste persone sono particolarmente a rischio, sia per quanto riguarda la morbilità che la mortalità in caso d’infezione da virus respiratori, tra cui i coronavirus.

Senza dubbio, tutti i lavoratori con fragilità meritano adeguata protezione

È fondamentale tutelare adeguatamente tutti i lavoratori fragili, garantendo loro la possibilità di svolgere il proprio lavoro in sicurezza. Lo smart working rappresenta una soluzione efficace, permettendo a queste persone di lavorare da casa e ridurre il contatto con agenti patogeni, diminuendo il rischio di contagio.

Disparità di trattamento e richieste al Governo e al Parlamento 

Tuttavia, le tutele attualmente in vigore sono frammentarie e spesso inadeguate. Si verificano disparità di trattamento tra lavoratori fragili del settore pubblico e privato, con decurtazioni di stipendio e addirittura licenziamenti per superamento dei giorni di malattia.
Per questo motivo, il gruppo “Lavoratori fragili uniti” ha rivolto un appello al Governo e al Parlamento soprattutto per varare al più presto una legge strutturale che tuteli tutti i lavoratori fragili, garantendo loro:
  • il diritto al lavoro agile;
  • l’obbligo di cambio mansione per chi ne fa richiesta;
  • prevedere un sistema di monitoraggio e valutazione per l’efficacia delle misure di tutela adottate;
  • promuovere la cultura della sicurezza e dell’inclusione sul lavoro, sensibilizzando le aziende e i cittadini sulle esigenze dei lavoratori fragili.

L’appello per una tutela definitiva

La disparità di trattamento in atto è incostituzionale e deve essere eliminata al più presto. È necessario un impegno concreto da parte delle Istituzioni per tutelare i diritti e la salute di tutti i lavoratori fragili.

Si tratta di un atto di civiltà verso delle persone che soffrono per delle patologie, ma che allo stesso tempo svolgono una forma di lavoro a tutti gli effetti ormai riconosciuta in tutto il mondo, che funziona e che produce risultati.

Silvano Antori

Articoli Relativi

RIFORMARE I GIUDICI DI PACE

RIFORMARE I GIUDICI DI PACE

Nel sistema giudiziario italiano, il Giudice di Pace svolge un ruolo fondamentale, rappresentando un presidio di giustizia di prossimità che dovrebbe garantire risposte rapide ed efficaci alle controversie minori. Tuttavia spesso ci si imbatte in una realtà fatta di...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *