Mar 7, 2010 | Notizie | 0 commenti

Tempo di lettura: 8 minuti

INFLUENZA A: CHE FINE HA FATTO?

Che fine ha fatto l’influenza suina? Perché nessuno ne parla più?
Fino a pochi mesi fa l’influenza A (comunemente chiamata influenza suina) aveva terrorizzato un po’ tutti. Governi pronti a prendere provvedimenti urgenti, scuole ed edifici pubblici pronti ad essere chiusi in caso di contagio massiccio. E di corsa, milioni di dosi di vaccino acquistate non proprio a basso costo (sono stati spesi 184 milioni di euro per 24 milioni di dosi di vaccino) dai governi di tutto il mondo. A spese dei contribuenti.
Ma la tanto temuta pandemia non c’è stata, e l’eco di quella che doveva essere una vera e propria sciagura, che non avrebbe risparmiato quasi nessuno – l’Oms aveva stimato 2 miliardi di persone a rischio contagio – si è lentamente spento. L’influenza A sembra essersi volatizzata insieme ai milioni di euro spesi per farne fronte. In pochi si sono vaccinati, circa 900.000 italiani, anche perché sono stati gli stessi medici a non ritenere opportuno vaccinarsi.
Quale sia oggi la situazione di questa “emergenza” non è dato sapere. Nessun cenno né dalle fonti ufficiali, né da quelle ufficiose. C’è un’inversione di rotta, una corsa ai ripari altrettanto frettolosa quanto lo fu la corsa all’acquisto dei vaccini.
E i vaccini acquistati? Sono rimasti inutilizzati. Ecco perché è stata avviata da parte del Codacons una Class Action – una delle prime in Italia –  contro lo spreco di denaro pubblico da parte dello Stato in questa situazione.
Di fatto si considera eccessivo l’acquisto di un numero cosi elevato di dosi, pur non sussistendo i presupposti della pandemia, considerata infondata ed esagerata. Il risarcimento chiesto è di grandi proporzioni: 3 miliardi di euro.
C’è da domandarsi chi ci abbia guadagnato da tutta questa faccenda. Di sicuro varie case farmaceutiche e una certa stampa che ha aumentato le vendite con titoloni da catastrofe, ma anche le aziende che producono e commercializzano prodotti come mascherine, guanti, disinfettanti.
Alla fine, tirando le somme della vicenda, ci hanno rimesso i cittadini, e guadagnato le grandi mutinazionali. Come civicratici ci batteremo perché casi simili non siano destinati a ripetersi.

 

Leggi gli altri articoli della sezione

Articoli Relativi

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

MOVITA’ GENNAIO-FEBBRAIO 2024

Anno 20 | Numero 1    gennaio-febbraio 2024 Newsletter del Movimento di Volontariato Italiano In questo numero:   Editoriale – LA LOGICA REGOLATORIA DELLA RIFORMA HA CERCATO DI METTERE ORDINE: MA DOBBIAMO SALVAGUARDARE L’ANIMA RELAZIONALE DEL VOLONTARIATO IN UN QUADRO...

leggi tutto
GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE

21 FEBBRAIO 2024, ANCORA INSIEME PER LA GIORNATA NAZIONALE DEL BRAILLE Il Codice Braille è strumento geniale e di sorprendente attualità Il Braille ha permesso a non vedenti una vita come parte attiva delle proprie Comunità. La giornata commemorativa quest'anno con...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *