melissa askew tSlvoSZK77c unsplash
Tempo di lettura: 8 minuti

IL SALTO DI QUALITÀ DELLE BATTAGLIE: DALL’IMPEGNO CIVICO ALLA COMUNE VISIONE CIVICRATICA

La cittadinanza è una realtà complessa e multidimensionale, che si colloca nel contesto storico vissuto e richiede la partecipazione attiva al sistema dei diritti e delle responsabilità dello Stato in cui si vive.

Essere Civico va oltre il livello legale di nazionalità e cittadinanza. Essere Civico si rafforza nel rapporto pieno tra individuo e comunità e nella partecipazione attiva alla Comunità sotto quattro dimensioni: la dimensione politica/legale, la dimensione sociale, la dimensione culturale e la dimensione economica.

Quattro dimensioni da raggiungere attraverso processi aperti e concreti da costruire e tutelare, che avvengono a scuola, nelle famiglie, nelle organizzazioni civili, le associazioni, i mass media, il vicinato e il gruppo dei pari.

Ad ogni persona deve essere consentito di partecipare e praticare le quattro dimensioni e lavorare per il miglioramento della propria Comunità, per una migliore condizione di vita di tutti i membri di quella Comunità.

Il Civico va ben oltre il Cittadino attivo e Protagonista il quale combatte per la sua giusta causa o per la causa di una categoria. Il Civico, anche partendo da una visione specifica, pone questioni di fondo attinenti alla dignità di ciascuna persona e per il Bene comune.

Il Cittadino Protagonista è consapevole dei propri diritti, del suo ruolo sociale, della forza propulsiva e di controllo da esercitare nei confronti del potere pubblico. Il Civico sa anche svolgere un’azione sinergica. E nell’azione sinergica matura la comune prospettiva civicratica.

 Fra i Civici i Civicratici sono la punta avanzata che ha  consapevolezza e impegno comune per il Modello istituzionale in cui è garantita partecipazione e meritocrazia.

I Civicratici perseguono la crescita personale e l’integrazione sociale,  stanno nei processi di ciascun Movimento Civico  e li fanno vivere non come un corpo separato ma costruendo il collegamento fra il processo civico e la società civile nella prospettiva di uscire dal modello della delega ed entrare nel Modello della partecipazione e della meritocrazia.

 L’impegno ora  è portare avanti la comune battaglia per l’imprescindibile salto di qualità fra i tanti lodevoli Movimenti Civici verso la prospettiva della Civicrazia.

Dalle battaglie, infatti,  i Civici hanno imparato concretamente la necessità del Modello istituzionale civicratico ossia di una società equa e di istituzioni  espressione della sovranità del Popolo, non più inteso come massa amorfa che delega o manipolato da oligarchie.

Ernesto Marino

Articoli Relativi

RIFORMARE I GIUDICI DI PACE

RIFORMARE I GIUDICI DI PACE

Nel sistema giudiziario italiano, il Giudice di Pace svolge un ruolo fondamentale, rappresentando un presidio di giustizia di prossimità che dovrebbe garantire risposte rapide ed efficaci alle controversie minori. Tuttavia spesso ci si imbatte in una realtà fatta di...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *