Tempo di lettura: 8 minuti

DANNI DA RADIOFREQUENZE ALLE PIANTE

AZIONE DELLE RADIOFREQUENZE SULLE PIANTE-STRESS OSSIDATIVO

Le radiazioni a radiofrequenze possono avere un impatto sul biota. Uno studio, pubblicato recentemente di Handa et al del 31 gennaio 2024, evidenzia l’impatto della radiazione a 2850 MHz sullo sviluppo iniziale di due coltivazioni di Brassica oleracea (cavolo rosso e cavolo verde).

Lo studio evidenzia l’azione sui pigmenti fotosintetici e sul profilo metabolico. Le piantine sono state esposte su base giornaliera per sette giorni per una, due e quattro ore  Le osservazioni sono state fatte  a 0 ore 1 ora e 24 ore dopo.

L’esposizione ha comportato una riduzione della lunghezza delle radici, della lunghezza dei germogli, della biomassa. La clorofilla e il carotenoide sono risultati ridotti mentre erano aumentati l’attività antiossidante e gli enzimi antiossidanti.

 Questo studio ha dimostrato come l’esposizione a campo elettromagnetico di 2850 MHz influenza lo sviluppo precoce delle piante di cavolo, modifica i pigmenti fotosintetici, altera i contenuti di polifenoli e compromette il loro metabolismo ossidativo.

ALTERAZIONI CITOTOSSICHE E GENOTOSSICHE

Alterazioni citotossiche e genotossiche erano state già evidenziate in uno studio di Chandel et al, esponendo a radiazioni elettromagnetiche le radici della cipolla fresca (Allium Cepa L.). Con l’aiuto del “test della cometa” sono state evidenziate incremento dell’indice mitotico, dell’indice di fase, aberrazioni cromosomiche e danno al DNA.

E’ NECESSARIO RIVALUTARE I LIMITI DI ESPOSIZIONE A RADIOFREQUENZE

Questi due studi suggeriscono l’influenza dell’esposizione del campo elettromagnetico a radiofrequenza sulle piante e la necessità di adottare precauzioni, rivalutando, come richiesto da CivicrazIa,  i livelli di esposizione tutelanti non solo per le piante ma anche e soprattutto per l’uomo e gli animali.

Annunziata Patrizia Difonte, medico

 

Articoli Relativi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *