Tempo di lettura: 8 minuti

CIVICRAZIA PER LA MAMMA DI MILANO

UNA MAMMA DI MILANO DENUNCIATA PERCHÉ PREFERISCE IL PUBBLICO ALLA STRUTTURA PRIVATA INDICATA DAI SERVIZI SOCIALI

Una mamma di Milano è stata denunciata al Tribunale per i minorenni per essersi rivolta a un centro di sostegno alla genitorialità pubblico, non potendo più permettersi la costosa Struttura privata che le avevano indicato i Servizi sociali. In pratica o i figli stanno in “quella” Struttura privata (a pagamento) o è dichiarata inadeguata (e i figli ci vanno lo stesso).

In estate era una mamma diligente e era confermato l’affidamento materno della figlia minore. A settembre la stessa mamma, per aver comunicato la volontà di rivolgersi ad un ente pubblico per sua figlia, di colpo diventa negligente e incapace di garantire tutela.

 

LE DOMANDE DI CIVICRAZIA

Che rapporti ci sono fra alcuni operatori dei Servizi Sociali e i Centri privati? Quali sono gli interessi economici? Perché non si vara subito la proposta di Civicrazia di controllo delle relazioni dei Servizi Sociali prima di procedere a frettolosi allontanamenti dei minori dai genitori? Esistono holding affaristiche privilegiate che stimolano tale infame mercato di bambini? Perché si tace su tali gravi e continui accaduti? Qual è il giro di denaro? Perché non si inserisce subito il Garante dell’Infanzia nei giudizi di affidamento del Tribunale dei Minori, ove potentati economici strappano i bambini a madri indifese?

Maria Loreto

Articoli Relativi

RIFORMARE I GIUDICI DI PACE

RIFORMARE I GIUDICI DI PACE

Nel sistema giudiziario italiano, il Giudice di Pace svolge un ruolo fondamentale, rappresentando un presidio di giustizia di prossimità che dovrebbe garantire risposte rapide ed efficaci alle controversie minori. Tuttavia spesso ci si imbatte in una realtà fatta di...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *