mercoledì 30 Settembre 2020

Le idee fondative

“Noi promotori di riforme, siamo la voce di chi non ha voce; per il cittadino protagonista stiamo costruendo la via della CIVICRAZIA” - Giuseppe Fortunato

CIVICRAZIA persegue due finalità:

  1. promuovere la migliore attuazione dei diritti garantiti dall’ordinamento giuridico per il tramite del coordinamento delle azioni di tutela esercitate dai soggetti tutti cui l’ordinamento attribuisce un tale compito;
  2. sollecitare nuovi protagonismi sociali, contribuendo alla formazione di identità collettive collegate a bisogni diffusi ma deboli, che necessitano di protezione allo stato non ancora garantita dall’ordinamento giuridico.

Le due finalità determinano modalità di azione diverse ma concorrenti, che si collocano, la prima, all’interno dell’ordinamento giuridico dato, assumendo così una prevalente valenza giuridico-formale, la seconda, di natura più squisitamente politica, diretta a modificare le regole costituite con azioni positive, rivolte a rimuovere situazioni di oggettiva disuguaglianza, sofferenza e discriminazione. L’azione trae impulso dall’analisi della crisi attuale delle strutture rappresentative democratiche e della politicità che esse hanno espresso.

La matrice è dunque in quel complesso di idee, non nuove e ampiamente elaborate, che descrivono con dovizia di argomenti le promesse non mantenute del nostro sistema democratico (cfr. N. Bobbio, Saggio sulla scienza politica in Italia; idem Il futuro della democrazia).

Di conseguenza, occorre un nuovo paradigma politico per realizzare la democrazia orizzontale, in cui l’azione comune, le relazioni, la corresponsabilizzazione e la condivisione prevalgano sull’assetto verticale del potere.

È appunto tale la finalità della Civicrazia, che intende improntare le sue azioni all’affectio societatis, attivando politiche di discriminazione positiva e di lotta alle disuguaglianze oggettive.

L’eguaglianza civica come forma di compiuta attuazione di quella meramente civile è quindi l’idea forte e portante che ispira Civicrazia, che rappresenta il nascente fattore di sviluppo e di giustizia della società italiana.