Comunicati stampa Stampa

napoli-innanzitutto 

05.04.2011 CIVICRAZIA PRESENTA A ROMA IL DECALOGO DI “NAPOLI INNANZITUTTO”

Mercoledì 6 aprile 2011, alle ore 12, a Roma, presso la sala conferenze della Regione Campania (via Poli, 29 – vicino piazza Barberini), l’Avv. Giuseppe Fortunato, Presidente di Civicrazia,unione di oltre 4mila Associazioni e Organismi a favore del cittadino, renderà note le risposte della politica a seguito degli incontri dedicati al progetto “Napoli Innanzitutto”.
Nel corso della conferenza stampa, moderata dal giornalista Ermanno Corsi, saranno illustrati Il Decalogo di Civicrazia per Napoli e il documento dettagliato sull’intero progetto.

Info: www.civicrazia.org/napoli-innanzitutto

Si invita cortesemente a partecipare.


napoli-innanzitutto

09.02.2011 Civicrazia presenta su “NAPOLI INNANZITUTTO”: la risposta dei partiti

Venerdì 11 febbraio 2011, alle ore 11.30, presso la sala conferenze del Grand Hotel Vesuvio (via Partenope 45, Napoli) l’Avv. Giuseppe Fortunato, Presidente di Civicrazia, renderà note le risposte dei partiti politici a seguito degli incontri intercorsi con Civicrazia circa il Progetto NAPOLI INNANZITUTTO e i requisiti inderogabili che  dovrà avere il prossimo Sindaco di Napoli.
In occasione della conferenza stampa, sarà distribuito un documento dettagliato contenente le risultanze degli incontri.
La conferenza sarà moderata dal giornalista Ermanno Corsi.
Informazioni sullo stato d’avanzamento del Progetto NAPOLI INNANZITUTTO su www.civicrazia.org/napoli-innanzitutto
Si invita cortesemente a partecipare.

__________________________________________________________________________________

napoli-innanzitutto 

02.02.2011  “SUPER N”: Civicrazia aveva ragione, ma la camorra a Napoli non può vincere.
Incontrate le forze politiche per un Sindaco con inderogabili requisiti
A Napoli è emersa chiaramente l’esistenza di una nomenklatura politico-affaristico-criminale (la cosiddetta “Super N”) che ha agito indisturbata, soprattutto negli ultimi anni.
L’emergenza rifiuti è correlata all’azione della camorra e all’inerzia e complicità dei poteri pubblici, come aveva denunciato il Consiglio Nazionale di Civicrazia a Napoli, sabato 4 dicembre 2010.
Ora occorre un cambiamento di rotta. Tutti coloro che hanno ricoperto incarichi di amministrazione politica devono immediatamente ritirare la propria candidatura a Sindaco di Napoli.
Una delegazione di Civicrazia, a nome delle oltre quattromila Associazioni aderenti, ha incontrato formalmente in questi giorni tutte le forze politiche nazionali e locali per chiedere con vigore che, dinanzi alla grave situazione politica napoletana, occorre un candidato Sindaco con inderogabili requisiti e fuori dalle proposte di “riciclaggio” di questi giorni. Gli incontri proseguiranno nei prossimi giorni.
Venerdì 11 febbraio, alle ore 11 e 30, Civicrazia terrà a Napoli una Conferenza stampa presso il Grand Hotel Vesuvio (via Partenope, 45) per illustrare i risultati dei confronti avuti con le forze politiche nazionali e locali.
Obiettivo irrinunciabile: liberare Napoli da camorra e malapolitica.
Informazioni sul progetto NAPOLI INNANZITUTTO di Civicrazia su www.civicrazia.org, nelle apposite pagine web.

Leggi il testo completo

__________________________________________________________________________________

napoli-innanzitutto 

02.12.2010 Sabato 4 dicembre a Napoli il Consiglio Nazionale delle oltre 4000 associazioni di Civicrazia

“Contrastare la distruzione di Napoli e procedere alla sua grande trasformazione”.
E’ questo il motivo conduttore delle oltre 4000 associazioni nazionali che terranno il loro Consiglio Nazionale sabato a Napoli (ore 9,30 Antisala dei Baroni, Maschio Angioino).
Questo Consiglio Nazionale intende illustrare valori e obiettivi contenuti nell’espressione “Civicrazia”, movimento volto a stimolare gli Amministratori pubblici e a promuovere il cittadino protagonista nella vita pubblica.
Il Consiglio Nazionale di sabato servirà a sviluppare il progetto “Napoli Innanzitutto”, anche per lo stato allarmante di degrado in cui la città è precipitata, oggetto in questi giorni anche di accorati appelli, per la sua rinascita, da parte di intellettuali, comitati e forze sociali.
Ai lavori di sabato partecipano, tra gli altri, Angelo Deiana (Libere Associazioni Professionali), Bianca Maria Farina (Sociologia dell’Amministrazione e Politiche Sociali), Emilio Abate (Giudice Tribunale di Benevento), Manlio D’Agostino (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti), Ennio Bartolotta (Ordine Nazionale Giornalisti), Massimo Bartoccioli (Università Cattolica di Milano), Pietro Giordano (Presidente Nazionale Adiconsum), Giuseppe Sannino (ANIDA), Virgilio Baresi (Presidente Nazionale Istituto Revisori Legali).
Le conclusioni saranno tratte dal Presidente Nazionale di Civicrazia Giuseppe Fortunato.
Durante i lavori, verranno proiettati due video riguardanti la storia della Civicrazia e il progetto “Napoli Innanzitutto”.

__________________________________________________________________________________


napoli-innanzitutto 

05.10.2010 LA SOCIETA’ CIVILE A NAPOLI PER “LA SVOLTA”
Sabato 9 ottobre 2010 ore 11 - Sala del Consiglio dell’Ottava Municipalità - Via della Resistenza 12, comparto 12 (Rione Scampia, Napoli)

Oltre 4000 Associazioni unite per la rinascita sociale, etica e politica della città di Napoli, stanno portando avanti l’azione comune NAPOLI INNANZITUTTO.
Nella tormentata realtà del rione Scampia, a Napoli, oppresso dalla malavita e dal mercato della droga si diffonde il messaggio di speranza e di cambiamento di Civicrazia.
Sabato 9 ottobre alle 11, nella sede dell’Ottava Municipalità in viale della Resistenza 12 a Scampia (Sala del Consiglio), i parroci della Chiesa del Buonrimedio, don Luigi e don Alessandro, impegnati sul territorio, le associazioni, i cittadini,  i giovani incontreranno l’Avv. Giuseppe Fortunato, Presidente di Civicrazia, la coalizione di oltre 4000 associazioni e organismi impegnati per il cittadino protagonista.
Civicrazia chiede per Napoli trasparenza, tutela dei diritti del cittadino, efficienza dei servizi pubblici, pulizia, sicurezza, vivibilità.
Con l’azione concreta della società civile napoletana, la grande trasformazione è possibile.

L’iniziativa è curata dal Comitato per la Rinascita di Napoli, aderente a Civicrazia e dai suoi componenti:

• Prof.ssa Lucia D’Amico Tilena, Coordinatrice del Comitato per la Rinascita di Napoli,
• Prof. Lucio D’Alessandro, preside della facoltà di Scienze della Comunicazione del Suor Orsola Benincasa di Napoli,
• Dott.ssa Anna Maria de Ritis Guardascione, dott.ssa Alessandra Crispo, dott.ssa  Mariella Mastrangelo, dott.ssa Franca Giaccia, dott.ssa Wanda Messina, dott.ssa Wanda Rodotà de Martino,
• Prof. Gaetano Cerbone, prof. Gianpaolo Cuccurullo,
• I Registi Italo Moscati, Sergio Grieco, Pasquale Squitieri con Nicola Squitieri e Maria Rosaria Squitieri,
• Prof. Franco Bracardi, prof. Ottavio Di Grazia, prof. Sebastiano Marelli, prof. Massimo Corsale, prof. Roberto De Maio,
• Dott.ssa Clelia Castellano, dott.ssa Imma Pempinello, dott.ssa Maria Carmen Stabile,
• Dott. Nicola Forte, dott. Egidio Donadio,
• Gherardo Mengoni, Massimo Milone, Antonello Perillo, Annamaria Ackermann, Ruggero Cappuccio, Marco Perillo, Enzo Gragnaniello, Giacomo Rizzo, Rocco Barocco, Alessandro Cecchi Paone.

-----------------------------------------------------------------------------

[E' consultabile su questo sito il Progetto NAPOLI INNANZITUTTO, il Programma dei Napoletani, il codice deontologico del pubblico amministratore, il percorso per la grande trasformazione di Napoli e il sistema di domande e risposte].

__________________________________________________________________________________

napoli-innanzitutto 

21.09.2010  Primo unanime risultato della consultazione aperta. SINDACO DI NAPOLI: i requisiti essenziali chiesti dai cittadini
 
La consultazione delle oltre quattromila Associazioni di Civicrazia per la designazione del Sindaco di Napoli ha dato un primo chiaro, univoco ed inderogabile risultato.
Per la grande trasformazione di Napoli occorre un Sindaco di alto profilo con requisiti oggettivi, indispensabili per governare una città così complessa, dove i cittadini, così come ha ricordato il Cardinale Crescenzo Sepe, “hanno perso pane e speranza”.
Mentre il Consiglio comunale non riesce a deliberare neppure per le questioni più indifferibili, Napoli è in una situazione di degrado senza pari nel settore dei servizi pubblici, manca lavoro e dilagano invivibilità, sporcizia e traffico.
Occorre un Sindaco che dia una concreta prospettiva di sviluppo e indirizzi il cambiamento della città.
Serve un salto di qualità ed è possibile dare ai cittadini napoletani l’orgoglio di vivere bene nella più grande metropoli del Sud Italia, da trasformare quanto prima in una città con una buona qualità di vita.
Per questo salto di qualità, la società civile napoletana chiede un Sindaco che abbia i seguenti requisiti:
1. approfondita competenza attinente alla Pubblica Amministrazione (superando la stupida  illusione che basta aver gestito cariche pubbliche per saper guidare oggi la complessa macchina burocratica napoletana);
2. approfondita e variegata esperienza non politica o non solo politica di alta direzione di Pubblica Amministrazione, acquisita guidando strutture complesse;
3. alto profilo nazionale e internazionale nello svolgimento di proprie funzioni pregresse, per difendere e affermare con vigore gli interessi di Napoli in contesti nazionali e internazionali;
4. esperienza di tutela dei diritti dei cittadini, con esperienze nell’affrontare patologie e trovare soluzioni concrete;
5. riconosciuta rappresentatività sociale intercategoriale, portando con sé la forza e l’entusiasmo dei cittadini nella grande trasformazione di Napoli.

Sulla base di tale unanime volontà dell’intera società civile, la consultazione prosegue per il varo della nuova classe dirigente napoletana.

__________________________________________________________________________________


napoli-innanzitutto 

14.09.2010  Napoli, il Sindaco d’alto profilo


Per consultare i documenti del Progetto NAPOLI INNANZITUTTO: www.civicrazia.org

______________________________________________________________________________________________________


napoli-innanzitutto 

07.09.2010     Le 4000 associazioni di Civicrazia: a Napoli un Sindaco scelto dai napoletani

Parte “Napoli Innanzitutto”, il progetto per la grande trasformazione della città di Napoli promosso da Civicrazia con le sue oltre 4000 associazioni, aperto al contributo di chiunque abbia a cuore il futuro della città: anche attraverso una consultazione sul web i cittadini potranno scegliere il loro candidato.

Dalla criminalità alla disoccupazione, dal degrado delle periferie allo smaltimento dei rifiuti, dal traffico cittadino alle carenze dei servizi pubblici: in questi anni si è parlato fin troppo delle problematiche vecchie e nuove della città partenopea. E troppo spesso la risposta del mondo politico non ha coinciso con le effettive esigenze dei cittadini, che devono ora poter scegliere direttamente e senza imposizioni partitiche il loro candidato ideale: un Sindaco con un alto profilo, realmente capace di battersi per ottenere la grande trasformazione di Napoli.

Per la trasformazione - da oggi - Civicrazia mette a disposizione di tutti i cittadini napoletani e di tutte le realtà associative, professionali e culturali napoletane, le informazioni e la documentazione relative al progetto “Napoli Innanzitutto”:

- “Meta”, il documento che illustra la Napoli che sarà e comprende il codice deontologico per il pubblico amministratore napoletano;
- “Percorso”, il documento che indica le tappe per il cambiamento;
- “Organizzazione”, il documento che spiega in che modo ogni persona, associazione, gruppo o comitato di cittadini può partecipare al progetto;
- “Domande e risposte”, il documento, in continuo aggiornamento, che contiene le domande di cittadini a cui vengono date pubbliche risposte.

Consultando il sito www.civicrazia.org è possibile diventare protagonisti dell’iniziativa, facendo sentire la propria voce e inviando a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. domande, riflessioni e proposte concrete che diano supporto a “Napoli Innanzitutto”. 

______________________________________________________________________________________________________


23.04.2010 Social Network: quali rischi e quali opportunità? Università, Impresa e Associazioni al convegno di Civicrazia e GGPI

L’evoluzione informatica degli ultimi decenni ha determinato una vera rivoluzione economica e sociale. Un’analisi di tale fenomeno è stata tracciata all’interno del convegno Impresa e relazioni sociali nei social network, organizzato da Civicrazia e dal Gruppo Giovani Professionisti e Imprenditori che si è tenuto a Roma oggi 23 aprile, presso la sala conferenze del Garante per la privacy.
Diversi i rappresentanti del mondo dell’impresa, universitario, associazionismo e dei blogger e una vasta platea di giovani hanno preso parte all’evento, introdotto e moderato dalla giornalista Adriana Apicella, Direttore Responsabile di Civicrazia.TV.
Germana Burgarella, fondatrice dei GGPI (Gruppo Giovani Professionisti e imprenditori), ha aperto la serie degli interventi sottolineando come, nel mondo dell’impresa, il Web 2.0 offre la possibilità di creare relazioni tra i vari settori, modificando il fare impresa oggi.
A seguire Enrico Menduni, docente in Media Digitali presso l’università di Roma Tre, che ha posto l’accento sulla collaborazione orizzontale tra clienti e imprese, fattore questo che determina valore aggiunto nelle relazioni digitali. (continua)

Leggi il testo completo

______________________________________________________________________________________________________


01.04.2010   Elezioni: Per Fortunato, presidente di Civicrazia, preoccupante è il "voto sofferente"
        
“Il fenomeno più preoccupante, nel comportamento degli elettori in queste consultazioni regionali”, sottolinea l’avvocato Giuseppe Fortunato, presidente di Civicrazia, , “non è nemmeno l’alta percentuale di cittadini che non sono andati a votare, ma il fatto evidente  che grandissima parte di quelli che hanno  votato è andata alle urne senza alcun entusiasmo, senza esser minimamente soddisfatta dei candidati”.
“C’è – rileva Fortunato, presidente di Civicrazia, coalizione di oltre 4.000 associazioni che si batte per il rinnovamento della vita pubblica -  una grande differenza rispetto alle precedenti elezioni regionali, anche quelle del 2005: una volta la gente , prima e durante le votazioni, partecipava animatamente, schierandosi con passione per l’uno o l’altro candidato, mentre oggi, al massimo, dopo le votazioni parla svogliatamente  di chi si è votato, unendosi, spesso, al di là del voto, in una generale insofferenza nei confronti della classe politica. Oggi, insomma, si sceglie il meno peggio, soprattutto  per le logiche molto chiuse con cui vengono designati i candidati”.
“ A queste elezioni-gioco d’apparati, la gente risponde talora con l’astensione fisica dal voto, ma soprattutto – conclude Fortunato - con l’astensione emotiva,  col voto dato senza quasi alcuna convinzione. E questo fenomeno del “voto sofferente” rappresenta un grave tasso d’allarme per tutta la classe politica. Civicrazia propone, quindi, un ripensamento radicale dei rapporti tra cittadini e classe politica, contro lo strapotere di apparati burocratici ed oligarchie partitocratiche”.   

______________________________________________________________________________________________________


25.03.2010   Prosegue la primavera civicratica e un saggio approfondisce figure e compiti del "difensore civico"

Prosegue la “primavera” di Civicrazia, la coalizione di oltre 4.000 associazioni, rappresentative della società civile (dal WWF all’ Associazione Nazionale Difensori Civici,  da Telefono Azzurro  alla  Federcontribuenti), che persegue un rinnovamento della vita pubblica basato sulla restituzione al cittadino della sua centralità.
Presieduta da Giuseppe Fortunato, cooordinatore del Laboratorio Privacy Sviluppo (che, presso il Garante per la Privacy, si occupa di quest’ultima in senso attivo, come piena realizzazione della personalità del cittadino), Civicrazia  per le elezioni del 28 marzo ha tenuto un serrato confronto coi candidati presidenti e consiglieri, chiedendo garanzie sulla trasparenza delle future amministrazioni regionali. E dopo le conferenze organizzative regionali di Lombardia e Umbria, ne terrà altre venerdì 26 marzo a Cagliari (sul futuro della Sardegna come Regione autonoma) e a Londra (per iniziativa dell’ imprenditore Marco Loschiavo), e il 30 marzo a Rovereto, con la partecipazione del Difensore Civico della Provincia Autonoma di Trento e del Garante del Contribuente per il Trentino-Alto Adige.
Questi stessi temi dei diritti del cittadino nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni vengono approfonditi nel saggio di Vittorio Galatro – docente in materie giuridiche ed economiche e membro del comitato scientifico dell’ Istituto Europeo dell’ Ombudsman di Innsbruck  - “Difensore civico e società civile” (Edizioni dell’ Ippogrifo, 2010). Dopo un rapido excursus storico sulle primissime figure in difesa dei cittadini contro la Pubblica Amministrazione (dagli “Eutinoi” ed “Efori” delle antiche Atene e Sparta ai Tribuni della plebe di Roma, sino al “Defensor civitatis” dell’Impero romano d’ Oriente), l’ Autore approfondisce figura e compiti del Difensore Civico nella società moderna. Figura che nasce esattamente nel 1766 in Svezia, quando il Cancelliere reale per la Giustizia si trasforma in “Ombudsman” ( il termine è proprio di lingua svedese) eletto dagli elettori del Parlamento: divenendo poi, con la Costituzione del 1809, fiduciario del Parlamento destinato proprio a controllare l’attività dell’Esecutivo. Dal 1967, la Svezia istituisce quegli Ombudsman “di settore” (antitrust, per la stampa e per il consumatore) che in Italia nasceranno solo nei primi anni ’90.
Oggi, il Difensore civico (per il quale l’Autore chiede l’emanazione d’un apposita legge-quadro, di riordino della materia) , pur muovendosi soprattutto nel campo giuridico, svolge una funzione sociale che richiede una professionalità più ampia, estesa a temi sociologici, psicologici e filosofici,  e vicina, nella società multiculturale, alle nuove figure del mediatore interculturale e dell’operatore di pace . 

______________________________________________________________________________________________________
 

12.03.2010   Civicrazia: Cresce la fiducia nelle libere associazioni  
 
Ai minimi storici la fiducia nella classe politica mentre cresce quella nelle libere associazioni (77%). Il rapporto tra istituzioni, associazioni e territorio e' stato il tema della prima conferenza programmatica di Civicrazia, l'organizzazione che vuole il cittadino protagonista della cosa pubblica, che si e' tenuta oggi, in collaborazione con la Provincia di Milano.
Civicrazia nasce per iniziativa dell'Associazione Nazionale dei Difensori Civici e riunisce ad oggi oltre 4.000 associazioni e ordini professionali con l'intento di ''contribuire alla riforma della Pubblica Amministrazione mettendo il cittadino al centro della politica e delle istituzioni, a prescindere da qualunque schieramento''.
Dalla ricerca, presentata a Milano da Nando Pagnoncelli, presidente Ipsos, risulta che la fiducia dei cittadini e' elevata nei confronti delle istituzioni di garanzia (87% forze dell'ordine, 86% forze armate, 86% Presidenza della Repubblica, 68% magistratura, 59% autorita' garanti), si attesta intorno al 40% nei confronti delle istituzioni e organizzazioni sociali quali sindacati (45%), associazioni imprenditoriali (59%) e banche (34%) mentre e' minima nei confronti dei partiti politici che chiudono la graduatoria con un 32%, sceso addirittura al 21% nel 2007.
Se le aspettative e la domanda di servizi pubblici da parte dei cittadini sono aumentate, spiega una nota di Civicrazia ''il 70% dei cittadini propende per la gestione pubblica di sanita', trasporti, scuola, pensioni, che e' garanzia psicologica di accesso ai servizi essenziali, le istituzioni non sembrano tuttavia riuscire a rispondere in modo soddisfacente a queste richieste, lasciando un sempre maggior ruolo sussidiario all'iniziativa privata e al Terzo Settore. In questo quadro e' significativo notare come il mondo delle associazioni libere di cittadini e le organizzazioni no profit, nonostante appartengano a un variegato universo, godano la fiducia del 77% dei cittadini''.
 

______________________________________________________________________________________________________

10.03.2010   Il diritto dei cittadini non deve essere un territorio di sfida politica.

Se ne parlerà domani 11 marzo a Napoli alla prima conferenza territoriale campana di Civicrazia con il Presidente, l’Avv. Giuseppe Fortunato, componente del Garante per la Protezione dei Dati Personali e già Difensore Civico della Regione Campania.
Alla conferenza, dal titolo “La sfida dei diritti”, importante tappa della “primavera civicratica”, parteciperanno - oltre al Presidente di Civicrazia - Achille Coppola, Presidente dell’ODCEC di Napoli e dell’Associazione Impegno Civile; Ugo Camerino, Referente Regionale di Civicrazia; Stefano Loparco, Presidente di Dimensione Europea.
Tutti insieme per restituire al cittadino il diritto alla partecipazione politica in toto, ponendo un freno all’autoreferenzialità dei partiti.
 “Civicrazia  - afferma Fortunato - è presente su tutto il territorio italiano per il cittadino protagonista nel rapporto con le istituzioni e per rivendicarne i diritti fondamentali. Ciascuno di noi può affrontare la malaburocrazia e pretendere che sia garantito - e non attaccato - il diritto di ogni cittadino ”
 

______________________________________________________________________________________________________

 

18.02.2010   Civicrazia: basta impegni generici, ora fatti concreti

A 18 anni dallo scoppio di Tangentopoli, la credibilità della politica è a livelli minimi perché riemergono gli stessi problemi.

Civicrazia, con le oltre 4000 associazioni che ne fanno parte, ha esposto a tal proposito delle richieste chiare: la garanzia scrupolosa di nomine pubbliche trasparenti, valorizzando le attività di partecipazione e controllo dei Cittadini, e l’applicazione del Codice deontologico del pubblico amministratore. Richieste che si fanno ancora più urgenti mentre la cronaca politica è monopolizzata da episodi di malaffare.

Un avvertimento era già contenuto nella relazione al Parlamento dell’Autorità di Vigilanza sugli appalti, resa nota lo scorso luglio. Oggi, nuovi dati allarmanti giungono dalla Corte dei Conti: nel 2009 le denunce per corruzione hanno registrato un aumento del 229%, quelle per concussione del 153%, causando una perdita nelle casse dello Stato di circa 70 milioni di euro.

Basta con le solite, generiche frasi di circostanza e promesse mai mantenute. Civicrazia ha incontrato i maggiori leader politici nazionali ed i candidati governatori per chiedere azioni concrete e l’avvio immediato di un confronto operativo.

______________________________________________________________________________________________________

  11.02.2010   Regioni trasparenti. Spazio ai competenti

Civicrazia chiede ai candidati Presidenti di Regione di agire liberamente al servizio del Cittadino e di assicurare:

  1. La garanzia scrupolosa di nomine pubbliche senza lottizzazioni, trasparenti, in base a criteri di merito e competenza, con possibilità per ogni cittadino di presentare memorie sulle candidature e con obbligo di approfondita motivazione comparativa.
  2. Il Codice deontologico del pubblico amministratore improntato a valori e procedure che diventino il “modus operandi” quotidiano della pubblica amministrazione e di ogni pubblico potere.
  3. La valorizzazione del ruolo delle associazioni e l’accoglimento delle loro giuste richieste a tutela del Cittadino in un dialogo costante.

Malasanità, trasporti inefficienti, sporcizia, degrado ambientale, agricoltura nel caos, disoccupazione, turismo allo sbando:
questo è il frutto della gestione clientelare regionale.
Chi vuole trovare la soluzione ed essere al servizio del Cittadino deve far cessare...

Leggi il testo completo

______________________________________________________________________________________________________

  30.11.2009   Il Manifesto per la Civicrazia

Il CIttadino Innanzitutto

CIVICRAZIA COME AZIONE
Oggi in Italia si registra una diffusa insofferenza verso la politica. L’autoreferenzialità della classe dirigente rende sovente la lotta politica un confronto di potere che si svolge all’interno del Palazzo, incomprensibile per i cittadini, e sganciato dai problemi reali degli italiani. Civicrazia avanza alcune richieste semplici e fondamentali, di facile e immediata realizzazione...

Leggi il testo completo

_____________________________________________________________________________________________________

 

scelto dai cittadini. Finalmente! E’ aperta la consultazione
Sindaco di Napoli scelto dai cittadini: da oggi aperte le consultazioni.

Questa è la sfida di Civicrazia, con le oltre 4000 associazioni, così come previsto dal Progetto NAPOLI INNANZITUTTO per la grande trasformazione di Napoli con un Sindaco d’alto profilo.
Le Associazioni, i Gruppi e i Cittadini napoletani possono partecipare attivamente a tale grande trasformazione.
Basterà una semplice email a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o anche una lettera a Civicrazia per partecipare, designando il candidato Sindaco di Napoli d’alto profilo, con i necessari requisiti oggettivi per governare la città, e indicando proposte per realizzare il Programma dei Napoletani.
Le risultanze della consultazione saranno costantemente esposte nell’apposito Rapporto, pubblicato sul sito di Civicrazia (www.civicrazia.org), discusse e decise pubblicamente e varate nel Consiglio Nazionale di Civicrazia che sarà appositamente convocato a Napoli.
Finalmente il cittadino potrà scegliere liberamente il proprio Sindaco.
Inizia l’era Civicratica dove il Cittadino è realmente Protagonista.
Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Aprile 2011 12:16