Civicrazia è baluardo di democrazia e partecipazione Stampa
Lunedì 16 Dicembre 2019 23:31

Il progetto per implementare un nuovo modo di fare politica, di cui Civicrazia è portatrice con le sue oltre 4000 associazioni, intende sopperire alla asimmetria informativa dei cittadini rispetto all'esercizio dei diritti fondamentali garantiti dall’art.3 della Costituzione, in cui si prevede la reale possibilità di partecipare alla vita politica, economica e sociale del Paese.

La maggioranza dei Comuni della Regione Campania ha sì previsto nel proprio statuto gli istituti di partecipazione, essendo un obbligo di legge, ma non ha nel termine di un anno dalla loro approvazione, provveduto ad adottarne i regolamenti attuativi, pertanto, salvo pochissime eccezioni, la situazione di carenza di regolamenti che consentono l'esercizio della partecipazione popolare e democratica è regola.

Civicrazia, tramite il Difensore Civico della Regione Campania, avv. Giuseppe Fortunato, è impegnata per introdurre negli Enti Locali Territoriali una guida civicratica, basata su principi di trasparenza e correttezza delle procedure, per dare ai cittadini la facoltà di partecipare alle scelte amministrative, esaltando meritocrazia e tutelando diritti fondamentali.

I principi cardine di un modello di ordinamento civicratico sono:

  1. amministratori obbligati al rispetto di un preciso codice deontologico

  2. nomine a tutti i livelli trasparenti e meritocratiche

  3. referendum propositivi e consultivi

  4. introduzione della figura del Garante del Cittadino nominato dai cittadini e non dai politici

  5. bilancio partecipato e sociale

  6. collegamento formale, regolamentare e istituzionale del Comune alla Macroregione Mediterranea

Con l'introduzione ed utilizzo di questo modello si porranno le basi per affermare il principio costituzionale che attribuisce realmente la sovranità al popolo, consapevole ed informato dei propri diritti.