La Battaglia per la elezione del Mediatore Europeo Stampa
Lunedì 16 Dicembre 2019 23:21

L’unico candidato dei Paesi fondatori dell’Unione Europea, dei paesi latini e dei paesi mediterranei, quale Mediatore Europeo, è  l'avvocato Giuseppe Fortunato. Quello che manca a Bruxelles, da sempre, è un coordinamento della delegazione italiana per la difesa dell'interesse nazionale, cosa che invece tutti i paesi ederenti fanno. Non solo, manca una attività di lobby per la tutela degli interessi economici, politici, giuridici e commerciali dello Stato Italiano. Ieri sono stato a cena con un amico , ingegnere dell'E.N.I., in licenza temporanea dalla sua missione in Africa. In Gana, mi diceva, la Cina è penetrata, silenziosamente, economicamente e infrastrutturamente, in tutti i porti del Gana, l'Europa è totalmente assente dallo scenario africano. Non abbiamo una politica estera comune in Europa, come non abbiamo una politica mediterranea, eppure siamo presenti geograficamente, politicamente, commercialmente ed economicamente. Diceva Winston Churchill che uno stato non ha amici, solo interessi nazionali, ma per svolgere al meglio la funzione di Mediatore Europeo è necessaria un’alta competenza giuridica, soprattutto di diritto amministrativo. Bisogna conoscere nel dettaglio le procedure e le dinamiche della Pubblica Amministrazione, senza rischiare di dare inizio a lunghe inchieste che non ottengono esito positivo e creano solo insoddisfazione. Per un Mediatore Europeo le competenze giuridiche devono sempre andare di pari passo a una lunga e concreta attività all’interno della Pubblica Amministrazione, altrimenti non c'è meritocrazia, solo una schermaglia fra lobbies, nella quale vince la più potente. Per le esperienze e le competenze maturate in tanti anni e per l’impegno profuso anche su aspetti internazionali della Difesa Civica, l'avvocato Giuseppe Fortunato è senza dubbio la persona giusta per ricoprire la funzione di Mediatore Europeo. Durante l'audizione del 3 dicembre scorso al Parlamento Europeo, l'avvocato Giuseppe Fortunato, Difensore Civico della Regione Campania, ha concluso il suo discorso affermando che il Mediatore Europeo dovrà aiutare con competenza, esperienza, entusiasmo ed indipendenza, i Cittadini e i Parlamentari europei, loro rappresentanti, per un potere pubblico europeo che aiuti tutti a una vita migliore. In questi giorni sono in corso nel Parlamento Europeo diverse azioni per ottenere la maggioranza alla elezione del Mediatore Europeo, siamo del tutto certi che per la prima volta la componente di un paese fondatore come quella italiana, latina e mediterranea si è attivata, conosceremo a breve i risultati di queste azioni e ne trarremo le conseguenze. E' la terza volta che l'avvocato Giuseppe Fortunato si candida a Mediatore Europeo, Fortunato ha dedicato tutte le sue energie alla Difesa Civica, non si è mai candidato a nessun incarico politico e non è esponente di nessuna lobby economica che influenzano potentemente tutte le politiche europee, il risultato della votazione  del Parlamento Europeo stabilirà il peso che la meritocrazia ha in Europa.