La Macroregione Mediterranea e il sistema dei valori Stampa
Domenica 27 Gennaio 2019 14:15

Il primo passo verso la Macroregione Mediterranea è stato fatto . Quello che viene contestato è il sistema governativo vigente che ha portato massicci trasferimenti di risorse verso istituzioni finanziarie che hanno condotto ad una sempre maggiore crisi economica. Con la Macroregione Mediterranea vengono proposti modelli di governance alternativi fondati sulla tutela e valorizzazione dei cittadini, dei territori e dell'economia. La Macroregione Mediterranea si pone come obiettivo lo svolgimento di un programma stilato secondo una scaletta di valori e priorità, che vede ai primi posti la salvaguardia dell'ambiente, lo sviluppo dei trasporti e delle economie sostenibili, l'equilibrio nei flussi migratori, lo sviluppo di un nuovo modello di turismo, la cooperazione tra ricerca scientifica e università. L'importanza della trasparenza e correttezza nella procedura macroregionale è determinante per l'efficienza e il buon funzionamento della stessa, soprattutto per renderla strumento utile per la tutela dei diritti dei cittadini. Sull'esperienza ormai vissuta delle quattro Macroregioni già esistenti ( Baltica, Del Danubio, Adriatico - Ionica e Alpina) la procedura della Macroregione Mediterrane è stata strutturata in 25 fasi, ossia:

1.   Avvii e censimento degli avvii.
2.   Chiamata a raccolta aperta e trasparente.
3.   Impulso e promozione.
4.   Convegni e campagne comunicative.
5.   Procedura per l’Assemblea con regole aperte e trasparenti.
6.   Costituzione formale dell’Assemblea.
7.   Convocazione aperta con criteri trasparenti di ciascun Action Group.
8.   Incardinamento degli Action Group nell’Assemblea.
9.   Verifica oggettiva di ogni istanza partecipativa.
10. Verifica dei poteri della stessa Assemblea con esame di ogni rilievo.
11. Discussione delle modalità di formalizzazione, segreteria organizzativa e sede.
12. Esame motivato, trasparente e pubblico di ogni rilievo.
13. Scelta di Amministrazione Pubblica procedente.
14. Atto formale di scelta di Amministrazione Pubblica procedente.
15. Pubblicizzazione di atto formale di Amministrazione Pubblica procedente nelle forme pubbliche.
16. Formalizzazione di Assemblea (costituita di Action Group) e di Struttura.
17. Strutturazione di Assemblea (costituita di Action Group) e Struttura in progress.
18. Varo della Macroregione Meridionale.
19. Istituzione e costituzione di Sede Macroregionale.
20. Istituzione e costituzione di segreteria organizzativa di servizio
21. Consolidamento dell’atto formale di Amministrazione procedente,
      con termine decorso per ricorsi e rimedi giurisdizionali e amministrativi.
22. Istituzione di Governance (flessibile, aperta, trasparente), cosiddette Soft Institutions.
23. Sistema aperto di domande e risposte.
24. Documento aperto e trasparente di base per azione macroregionale.
25. Costituzione di Governance e Incorporazione in Organi.
Allo stato attuale la Macroregione del Mediterraneo è alla ventunesima fase, ossia consolidamento dell'atto. Infatti il 29 gennaio 2019 segna la decorrenza dei 60 giorni dalla pubblicazione del Decreto n° 9 emesso dal Difensore Civico Campano, Avv. Giuseppe Fortunato, in qualità di Amministrazione Pubblica procedente, entro i quali potevano essere presentati ricorsi e opposizioni.