Qualcuno volò sul nido del cuculo...psichiatria allo sfascio Stampa
Martedì 04 Dicembre 2018 19:37

Oggi si parla dell'assistenza ai pazienti psichiatrici,altro record negativo per la Regione Campania in ambito sanitario. Come denunziato dallo psichiatra napoletano dr. Fabrizio Starace, presidente della SIEP, società italiana di epidemiologia psichiatrica, la Campania si distingue per essere sopra…

dotazione campana di centri di salute mentale -14% rispetto alla media italiana

riduzione delle strutture semiresidenziali (-34,7%).

-70,8% nell' offerta di posti residenziali (forme di ricovero personalizzato in strutture di massimo 20-30 posti letto).

durata media dei trattamenti sotto soglia del -95,9%
Tutti questi numeri cosa ci dicono??? In primis colpisce il dato della spesa sanitaria regionale dedicata. In un periodo evidentemente di "lungimiranza", cioè il 2011, si era compreso che bisognava investire risorse significative in progetti di presa in carico territoriale. Ad oggi, 2018 quasi 2019,…

Ancora risultano all'annozero adeguati servizi di Neuropsichiatria Infantile ed il riconoscimento precoce nei bambini, della Sindrome di iperattività e deficit dell'attenzione (Adhd) che esordisce nei primi mesi di vita e si protrae nell'infanzia, nell'adolescenza e spesso persiste in età adulta portando a varie forme di devianza.

Questo aspetto di una "desrtificazione" del territorio, con la progressiva scomparsa dei presidi sanitari ad hoc, e dei percorsi di accompagnamento e presa in carico, la possiamo verificare anche per molte altre patologie.

In queste settimane il Difensore Civico Regionale , avv. Fortunato, sta procedendo speditamente per mettere ordine nella materia e verificare "Chi" non ha fatto e "cosa" gli compete di avviare rapidamente, sempre in forte cooperazione con le associazioni dei cittadini.

E questa è certo una buona notizia...

Dovremmo, altresì, iniziare a chiederci se questo "trend" di smembramento di servizi pubblici, non sia legato solo alle conseguenze di una pesante crisi economica internazionale, ma piuttosto ad un progetto di soppressione di tutta una attività socio-sanitaria nazionale e gratuita, a favore degli imprenditori privati del settore Salute.

Per evitare altri disastri occorre una presa di coscienza e di lotta "illuminata" da parte del popolo sovrano....