Il dubbio dei vaccini? Lo risolve un DL? Stampa
Lunedì 15 Maggio 2017 18:24
Il dubbio dei vaccini? Lo risolve un DL?
 
E' ormai noto che nel nostro Paese la diffidenza avanzata sul mondo dei vaccini mai è stata così alta come negli ultimi tempi.
Per correggere il tiro l'Italia ha dapprima lanciato una campagna informativa sull'uso dei vaccini e di poi ha posto in essere sanzioni nei confronti di tutti quei medici che levandosi dal coro dei "tradizionalisti", hanno voluto manifestare le proprie perplessità sulle ricadute che taluni vaccini hanno sugli esseri viventi.
Nel corso degli anni il numero dei vaccinati è diminuito progressivamente.
Vaccini "obbligatori" (ma poi non troppo) e quelli facoltativi hanno quindi subito le ovvie contrazioni numeriche: una conseguenza diretta però è stato il ritorno, soprattutto nel nostro mondo sempre più globalizzato, di virus che si credeva ormai debellati.
L'OMS ha stabilito che solo con percentuali che si avvicinano al 95% di vaccinati si può ritenere che una popolazione sia al riparo dall'agente oggetto di protezione.
In Italia quel numero si è assottigliato con le conseguenze citate
E' di poche ore fa la notizia che il Ministro della Salute ha voluto rafforzare la propria azione di prevenzione e proporre all'approvazione del CDM un testo di DL che dovrebbe essere approvato nei prossimi giorni.
Quel testo sembrerebbe affermare un obbligo di talune vaccinazioni obbligatorie per l'accesso alle scuole 
Interessato dal testo è anche il Ministero dell'Istruzione, ovviamente, dovendo il diritto alla salute essere coordinato con quello all'istruzione
Difficile essere netti su temi così importanti: ci sono i problemi legati alla propagazione dei virus che in quanto potenzialmente endemici devono essere fermati; dall'altra parte ci sono gli effetti ulteriori di taluni vaccini sulla salute umana che la popolazione ha diritto di sapere.
Questo Governo quindi sarà utile forse per ulteriori approfondimenti.