Castrazione chimica Stampa
Venerdì 25 Settembre 2009 15:33
Caramella Buona al Garante per la Privacy
Conferenza internazionale sul tema pedofilia
1 ottobre 2009 ore 17.00
Sala Conferenze

 

Cogliamo l'occasione della prossima conferenza internazionale dedicata all'argomento "Castrazione chimica: soluzione o strumentalizzazione?”  per fare il punto sul tema in un'intervista che ci ha gentilmente concesso il presidente dell'associazione organizzatrice, La Caramella Buona, il Dott. Roberto Mirabile.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -- - - - - - - -


Dott. Mrabile, pedofilia e reati sessuali sono argomenti sempre più all’ordine del giorno. Come mai? C’è un’esplosione negli ultimi anni o, forse, finalmente oggi questi temi escono dalle zone d’ombra che soffocavano le vittime?

In questi ultimi anni, esattamente dai fatti terribili del 1996 in Belgio, in tutto il mondo si parla di più di pedofilia, spesso con toni allarmistici, informazioni non corrette. Il fenomeno è certo in aumento, per diversi motivi, quali l’utilizzo incosciente di Internet, il turismo sessuale, la dinamica sociale che riguarda i rapporti uomo-donna, in cui l'uomo, in difficoltà nel rapportarsi, anche sessualmente, con la donna coetanea, convoglia le sue attenzioni verso ragazze sempre più giovani. I tempi comunque permettono oggi di parlare meglio e più correttamente della pedofilia: La Caramella Buona mette al bando l’allarmismo, non servono numeri o statistiche, la pedofilia esiste ed è in crescita ma occorre affrontare tale situazione con lucidità e soprattutto con discrezione, un’arma fondamentale per la nostra Onlus.


Stupri e violenza sui bambini sono notizie da prima pagina. Come associazione che da anni si batte civicraticamente su queste tematiche ritenete che vi sia sufficiente informazione in merito o forse, proprio per l’estrema notiziabilità dell’argomento, riscontrate una carenza di approfondimento legata alla natura di forte impatto del tema?

Di informazione, oggi, ne disponiamo tanta, il problema sta nel messaggio che si intende far passare, la notizia che si vuole trasmettere.
Assistiamo sempre più spesso ad una serie di interventi sterili e improvvisati, in cui si perde il concetto di corretta informazione per lasciar spazio al pettegolezzo, al morboso, con l’unico scopo di mettere il mostro in prima pagina.
Non dobbiamo dimenticare che quando si parla di pedofilia inevitabilmente si parla, purtroppo, di bambini e deve essere obiettivo di tutti tutelarli al massimo evitando di esporli ad ulteriori traumi. La Caramella Buona accompagna le vittime nelle aule di tribunale unico posto ambito in cui deve avvenire la ricerca della verità, evitando così il processo mediatico.


Gli italiani cosa sanno di castrazione chimica?
E’ in tale ottica che si pone l’iniziativa di un convegno scientifico internazionale (di grande spessore) per discutere di castrazione chimica?

Purtroppo poco, ecco perché è scattata l’esigenza (nel vero senso della parola) di una conferenza sull’argomento a carattere scientifico e internazionale che possa fare definitivamente chiarezza sull’effettivo riscontro della terapia sui sex offender.
Inoltre, a tal proposito, proprio durante la Conferenza “Castrazione chimica: soluzione o strumentalizzazione?”, organizzata in collaborazione con l’Accademia Internazionale Scienze forensi, saranno presentati i risultati di un sondaggio avviato da La Caramella Buona sull’opinione degli italiani in merito alla castrazione chimica al fine di ottenere un riscontro oggettivo sulla tematica.

 

La politica recente, per contrastare il problema degli stupri e della pedofilia, ha fatto largo parlare di castrazione chimica. Quanto è efficace questo strumento? Il titolo del prossimo convegno è esplicativo…

In effetti la nostra posizione come Associazione è molto chiara e già in diverse occasioni abbiamo manifestato perplessità sulla nota terapia, soprattutto quando questa riappariva nel panorama nazionale in momenti particolarmente strategici in campo politico.
Come per ogni tematica, è bene che prima di presentare la castrazione chimica come la soluzione al problema della violenza sessuale ci si informi sulla vera natura della stessa.
Siamo altresì favorevoli alla sperimentazione di un trattamento farmacologico per i sex offender ma fino a che si parlerà di sperimentazione non è corretto presentare la terapia scientificamente valida.
 


La Castrazione chimica punta a disinnescare la pericolosità del singolo colpevole di reati sessuali. In tema di prevenzione del reato sessuale quali sono le azioni da intraprendere?

Intanto una corretta informazione è già un ottimo passo verso la prevenzione. In seguito diversi disegni di legge, tra cui anche quello presentato da La Caramella Buona nel marzo del 2007, potrebbero rivelarsi davvero utili se messi in atto. Ad esempio la nostra proposta di legge prevede la cosiddetta tracciabilità del pedofilo, soluzione che permetterebbe un monitoraggio da parte delle forze dell’ordine del sex offender una volta uscito dal carcere.
È importante inoltre applicare correttamente i protocolli stabiliti nei procedimenti giudiziari, nell’approccio psicologico e legale alla piccola vittima.


Sex offender, ma non solo. Civicraticamente, per evitare che vi siano potenziali stupratori/pedofili e potenziali vittime occorre responsabilizzare l’altro al rispetto del diverso da sé (donne, bambini, omosessuali…). Condivide?

Non si può parlare di prevenzione a 360 gradi se alla base del nostro agire quotidiano non teniamo conto del rispetto dell’altro. Questo vale per il singolo cittadino quanto naturalmente per le istituzioni. Ci piace ricordare quanto abbiamo sostenuto in una recente conferenza di Civicrazia: se tutti noi cominciassimo a guardare il mondo con gli occhi di un bambino probabilmente LA SVOLTA sarebbe più facilmente raggiungibile.

 

Clicca qui per la locandina della conferenza

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Settembre 2009 15:43