“Introduzione del fascicolo del fabbricato: nuova tassa occulta per i cittadini” Stampa
Martedì 29 Novembre 2016 12:19

COMUNICATO STAMPA

RIGHI E DE PASQUALE (CONFASSOCIAZIONI): “Introduzione del fascicolo del fabbricato: nuova tassa occulta per i cittadini”

Roma, 29 novembre 2016 - “Il tentativo di introdurre il fascicolo del fabbricato, rilanciato da alcune categorie dopo il recente sisma, è lo specchio di un Paese che non riesce più a guardare alla realtà, ma pensa di risolvere i problemi introducendo nuovi adempimenti, che si tradurranno come sempre in nuove tasse per i cittadini .” Lo ha dichiarato Paolo Righi, Vice Presidente di CONFASSOCIAZIONI con delega alle Attività Immobiliari.
 “Inoltre le indagini diagnostiche per valutare la messa in sicurezza degli edifici privati - ha continuato Giovanni De Pasquale, Vice Presidente di CONFASSOCIAZIONI con delega al territorio e all'ambiente - hanno costi molto elevati e non hanno nulla a che vedere con il fascicolo o libretto che si vuole imporre”.

“E’ sconfortante sapere che la proposta di questo nuovo adempimento - ha proseguito Righi che è anche Presidente della Fiaip (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) - è appoggiato anche da una parte del mondo politico, che non si rende conto che è invece necessario favorire la ristrutturazione del vetusto patrimonio edilizio Italiano introducendo la piena defiscalizzazione delle opere di ristrutturazione e adeguamento sismico”.

“Averlo inserito nell'articolato dello Statuto sul Lavoro Autonomo con una delega sussidiaria da parte del Governo ai professionisti iscritti agli ordini professionali dell’area tecnica - ha sostenuto De Pasquale, che è anche Presidente dell'ANAIP (Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti) - rappresenta una futura tassa occulta sull'abitazione privata con gravi ricadute specialmente sull'utenza condominiale. Il Testo Unico Dgls 81/2008 sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro prevede già, nei fatti, uno strumento da aggiornare costantemente quale il DVR; basterebbe precisare con una Circolare ministeriale una migliore applicazione dello stesso per valutare i diversi rischi, tra cui quello sismico, esistenti negli edifici sia pubblici che privati”.

“E’ poi singolare notare che quelle categorie che appoggiano l’introduzione del fascicolo del fabbricato - ha concluso Righi - sono le stesse che in tutti questi anni hanno progettato quegli stessi edifici, di cui oggi dichiarano di non conoscere le modalità costruttive. Sono certo, comunque, che su questo tema la buona politica saprà comprendere e agire di conseguenza”.